CORONAVIRUS

Francesco Totti positivo al Covid. Anche la moglie Ilary Blasi contagiata

Martedì 3 Novembre 2020 di Ugo Trani
Francesco Totti positivo al Covid. Anche la moglie Ilary Blasi contagiata

Sta meglio ed è quello che conta. Anche Francesco Totti ha però incrociato il Covid-19. Positivi lui e Ilary. Lo sanno da martedì scorso, dopo aver fatto il tampone, passaggio scontato appena si sono manifestati i primi sintomi lunedì 26 ottobre. Febbre e debolezza. Mal di testa e tosse. Situazione, dunque, sotto controllo. Asintomatica lei, non lui. Che ha chiesto, nel rispetto della privacy, di non divulgare la notizia che è finita in rete ieri in tarda mattinata, prendendo in contropiede l'ex capitano della Roma. L'avrebbe data lui una volta tornato negativo con la moglie. Ancora non lo sono, ma tanto per restare nel calcio, Cristiano Ronaldo ha dovuto aspettare 19 giorni prima di sconfiggere il coronavirus e dunque di uscire dalla sua villa in collina a Torino.

 

Francesco Totti è in isolamento

​Festa del Cinema, emoziona il docufilm su Totti. Il regista Infascelli: "Ha compiuto la sua vita come una missione"

 

 

 

Passeggiata di gruppo

 

Il contagio, insomma, risulta già datato. E curiosamente è arrivato a casa Totti dopo la mattinata passata in centro domenica 25 ottobre. Francesco e Ilary, prima delle 10, sono entrati nella chiesa di piazza in Lucina, tra le più antiche della Capitale (440 dopo Cristo): la basilica del rione Colonna, costruita tra via del Corso e via di Campo Marzio, è a meno cento metri da Palazzo Montecitorio. Con loro anche Christian, Chanel e la piccola Isabel, portata sulle spalle dal papà o spinta sul passeggino dalla mamma. Ad accompagnarli anche un paio di amici. Giornata di sole e di svago, quindi, per la famiglia al completo prima di tornare a casa. Dove, il giorno dopo, la coppia ha dovuto prendere atto della novità: qualche brivido è bastato per rendersi conto di essere stati colpiti dal Covid-19.

Lutto recente

Francesco, soprattutto all'inizio, non ha vissuto bene la positività. Non ci sarebbe nemmeno da chiedersi il perché. Il dolore è lì, presente e non solo perché sono passate appena un paio di settimane. Dal pomeriggio di lunedì 12 ottobre non c'è più lo Sceriffo, cioè Enzo Totti, il papà che si è arreso allo Spallanzani dove è stato ricoverato proprio per il coronavirus, anche se fatali restano alcune patologie che lo hanno accompagnato in ospedale, a cominciare dal diabete. Il Covid-19 è entrato nella sua villa all'Axa e ha colpito anche mamma Fiorella. Che non ha potuto nemmeno partecipare al funerale, seguito comunque grazie alla trasmissione a circuito chiuso organizzata dalla parrocchia di Mostacciano. Francesco non dimentica quei giorni tristissimi quando non ha avuto la possibilità di stare vicino nemmeno alla madre proprio per evitare di essere contagiato. E ovviamente non ha potuto salutare il papà durante i giorni del ricovero. Dopo l'addio al padre in chiesa, andò subito da mamma Fiorella. Coccolandola, però, solo a distanza. Dal giardino, senza poterla abbracciare.

Niente parco della musica

In quei giorni avrebbe dovuto partecipare alla Festa del Cinema di Roma. In lutto per il papà Enzo, morto ad inizio settimana, rinunciò agli eventi organizzati nel weekend successivo all'Auditorium: in programma la presentazione del docufilm sulla sua vita «Mi chiamo Francesco Totti» di Alex Infascelli. Annullato l'incontro con il pubblico e quello con la stampa.

A riposo

Adesso è da 9 giorni in isolamento domiciliare, in attesa del tampone che gli permetta di riprendere il suo lavoro di manager e di ricominciare le sfide a padel con gli amici. Ha il campo anche nel recinto della villa all'Eur in cui Francesco e Ilary vivono separati dai 3 eredi. Giornate lunghe, anche perché la svolta c'è stata solo alla fine del weekend: da ieri Totti non ha più la febbre. L'unica divagazione è la costante presenza sui social. A fare il giro del mondo, su Instagram, l'affetto per Maradona che venerdì ha festeggiato i suoi 60 anni: «Buon compleanno Diego». E foto in campo insieme con l'amico argentino, impegnati in una partita di beneficenza. El Pibe de oro fu tra i primi a farsi vivo il 12 ottobre per le condoglianze a Totti dopo la morte del papà. Gli auguri veri a Maradona e l'addio sentitissimo a Gigi Proietti, grande romanista. «Un abbraccio a Francesco Totti, risultato positivo al Covid. Auguri per una pronta e rapida ripresa» il messaggio, invece, della Sindaca Virginia Raggi all'ex capitano giallorosso.
 

Gigi Proietti, il radiologo: "Prima della Tac mi ha detto "Je la faccio?". Era cardiopatico grave"

Gigi Proietti è morto a 80 anni lasciando un vuoto immenso accanto a sé. Nonostante fosse ricoverato da giorni, nella clinica romana di Villa Margherita non aveva perso lo humour che lo ha sempre contraddistinto. Fabrizio Lucherini è medico radiologo della clinica: "Quando gli ho fatto la tac, pochi giorni fa, ironizzava sulle sue condizioni: "Come vado?


 

 

 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 10:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA