Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

Vaccini, oggi il vertice tra Draghi e i Governatori

Domenica 28 Marzo 2021 di Diodato Pirone
Vaccini, oggi il vertice tra Draghi e i Governatori

ROMA La pandemia rischia di rompere l’equilibrio fra Stato e Regioni. Ieri la tensione fra Roma e i presidenti regionali e fra i presidenti stessi è salita a livelli altissimi tanto che il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in serata, ha deciso di partecipare all’incontro con le Regioni previsto per oggi. Il vertice doveva essere gestito dal ministro degli Affari regionali Mariastella Gelmini con la presenza del Commissario Figliuolo e del capo della Protezione Civile Curcio.

Statali, pensione di scorta: manca un decreto, lo Stato non paga i fondi integrativi


Perché Draghi?

Le ragioni sono quattro, tutte politico-istituzionali. La prima: le Regioni si sentono ingiustamente messe sul banco degli imputati, e non ci stanno dopo aver fatto 9,5 milioni di somministrazioni. La seconda: la catena di comando Roma-periferie scricchiola e si intravedono i segni di uno scontro fra Regioni. L’accordo sia pure solo formale annunciato venerdì dalla Regione Campania per l’acquisto del vaccino russo Sputnik è stato un terremoto arrivato dopo le defaillance che hanno azzoppato la Regione di punta, la Lombardia. Terzo: i presidenti di Regione sono ormai delle star, alcuni hanno perso molte penne ma altri non vedono l’ora di portare all’incasso risultati sorprendentemente lusinghieri ottenuti nel Lazio, in Campania, nel Veneto e persino nel minuscolo Molise, in testa a tutti come popolazione vaccinata. Quarto: dietro la partita dei vaccini si staglia quella del Recovery Fund. Risorse enormi che le regioni meridionali vorrebbero dirottare in parte consistente sul Sud.

Covid, viaggi estate 2021, Italia chiusa e turisti all’estero: ultima beffa per gli albergatori


L’intreccio delle varie dinamiche negli ultimi giorni ha creato un clima di tensione che ieri si tagliava con il coltello. Intervistato su Raitre nel primo pomeriggio Stefano Bonaccini, presidente dll’Emilia Romagna e portavoce delle Regioni, ha ribadito che nonostante diverse sbavature le Regioni stanno portando avanti la campagna vaccinale. «L’Italia non è indietro rispetto a Francia e Germania - ha detto Bonaccini - Le macchine organizzative che le Regioni hanno messo in piedi potrebbero fin da subito raddoppiare le somministrazioni. Sono mancate le fiale non l’organizzazione. Vanno stretti i bulloni».
Bonaccini in tv ha anche attaccato la Campania per Sputnik. «A parte che serve il via libera dell’Ema, se davvero una Regione dovesse comprare un vaccino - ha detto - il governo dovrebbe intervenire per distribuirlo a tutti gli italiani. Siamo una nazione». A ricamare sull’atmosfera di nervosa competizione intra-regionale è stato poi il presidente del Veneto Luca Zaia: «Noi già da tempo vorremmo acquistare vaccini ma mi hanno criticato». Piene di aculei anche le parole del presidente della Campania, Vincenzo De Luca: «Ho già annunciato che se avremo Sputnik lo divideremo con le altre Regioni. Al governo consiglio di non sparare numeri altisonanti sulle dosi disponibili ma di parlare con i fatti criticando con nome e cognome chi sbaglia senza distinguere le Regioni che stanno funzionando da quelle che hanno problemi».

© RIPRODUZIONE RISERVAT

© RIPRODUZIONE RISERVATA