Monterotondo, figlia di 19 anni accoltella e uccide il padre dopo una lite. «L'uomo era violento». Il pm valuta la legittima difesa

Domenica 19 Maggio 2019
Deborah Sciacquatori, 19 anni
Ha ucciso il padre con una coltellata al culmine di una lite in famiglia. La figlia di 19 anni lo ha colpito alla testa e lo ha ucciso all'interno della loro abitazione a Monterotondo Scalo, vicino Roma. La figlia si trova nella caserma dei Carabinieri della Compagnia di Monterotondo, la sua posizione è al vaglio del magistrato della Procura della Repubblica di Tivoli.

Omicidio a Silea: ucciso un 50enne. Il suocero spara e si barrica in casa  

L'uomo sembra fosse noto per essere violento, anche in famiglia
. Era stato denunciato anni fa dalla moglie per maltrattamenti in famiglia. L'episodio risale al 2014. Ex pugile, la vittima si chiamava Lorenzo Sciacquatori, ed era già noto alle forze dell'ordine per atteggiamenti violenti nei confronti dei famigliari. Secondo quanto appreso da Leggo l'uomo, in passato più volte sottoposto a Tso (Trattamento Sanitario Obbligatorio), sarebbe tornato in casa questa notte e avrebbe aggredito la famiglia. A quel punto, durante la lite, la coltellata da parte della figlia, Deborah



Era rientrato a casa nella notte ubriaco e aveva iniziato ad aggredire verbalmente la moglie. A quanto ricostruito dagli inquirenti dopo quasi tre ore mamma e figlia, spaventate, sono riuscite a uscire di casa. Ma l'uomo le avrebbe raggiunte tra le scale e l'androne, e lì, secondo una prima ricostruzione, la figlia 19enne lo avrebbe colpito al volto con un piccolo coltello. Così il 42enne è caduto per terra perdendo molto sangue. Trasportato d'urgenza in ospedale, è morto poco dopo.

Nelle prossime ore, sulla base di ulteriori accertamenti e dell'esame autoptico, la procura di Tivoli valuterà «l'eventuale esistenza della legittima difesa» per la morte del 41enne ferito stamattina dalla figlia di 19 anni e deceduto poco dopo in ospedale. Il pm di turno, d'intesa con il procuratore, ha disposto che la ragazza rimanga a disposizione della Procura.

 Ultimo aggiornamento: 20 Maggio, 10:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA