Ucciso a Como don Roberto, «prete degli ultimi»: ad accoltellarlo un senzatetto che aveva aiutato

Martedì 15 Settembre 2020
Prete ucciso a coltellate da un immigrato in centro a Como

La Panda grigia con il necessario per servire le prime colazioni ai senza tetto è ancora lì ferma, sotto casa. Il lavoro di don Roberto Malgesini, 51 anni, valtellinese di Cosio, «prete degli ultimi» per incarico pastorale e vocazione personale, iniziava ogni mattina così. Da piazza San Rocco, il primo borgo che si incontra scendendo a Como, una fila di case a ringhiera ormai abitate prevalentemente da immigrati. E proprio lì, sotto il suo alloggio a fianco della chiesa, don Roberto è stato ucciso a coltellate alle 7 da un tunisino di 53 anni, in Italia dal 1993, senza permesso di soggiorno dal 2014, da quando si era separato dalla moglie italiana. 

Il dolore della città - Video

Don Malgesini, il prete degli ultimi che sfidò il sindaco per difendere i clochard
 

Prete accoltellato a morte a Como

Alle spalle ha precedenti penali (condanne definitive per estorsione e maltrattamenti in famiglia) e due provvedimenti di espulsione. Il primo in sospeso perché impugnato, il secondo non eseguito per via del blocco aereo causa Covid. Una persona «con problemi psichici» ha specificato la diocesi, confermando le testimonianze di chi lo frequentava, anche se i disturbi non risultano da certificati medici. Un disperato, che aveva trovato ospitalità nel dormitorio di una parrocchia, a Sant'Orsola. Don Roberto conosceva da tempo il tunisino, anzi, erano in buoni rapporti, lo aveva più volte aiutato, per cui appare ancora più difficile decifrare che cosa sia potuto accadere. Testimonianze dirette dell'accoltellamento pare non ci siano. 


Il vescovo Oscar Cantoni e don Roberto Malgesini (Foto da Il Settimanale della Diocesi di Como)
 

 

Papa Francesco riconosce il martirio di Rutilio Grande, il gesuita eroe che difendeva i campesinos

Probabilmente l'uomo ha atteso don Roberto sotto casa, lì è nato un alterco, si sono sentite delle urla, poi il sacerdote è stato colpito da più coltellate, quella letale è stata inferta al collo, ed è stramazzato al suolo nella piazzetta, venti metri più avanti. Le urla hanno attirato gente, sono stati chiamati i soccorsi, ma per il sacerdote non c'era ormai più nulla da fare. L'assassino ha lasciato il coltello nell'aiuola a fianco e a piedi, sanguinante, è andato a costituirsi dai carabinieri, 400 metri più in là, lasciando dietro di sé una scia di gocce di sangue. E stato arrestato in flagranza per omicidio. L'inchiesta è condotta dal pm Massimo Astori, lo stesso che della strage di Erba. In piazza San Rocco si è subito raccolta una folla commossa. Di parrocchiani e di senzatetto, italiani e stranieri. Sono anche arrivati i ragazzi che aspettavano don Roberto per il giro delle prime colazioni, e che non lo hanno visto arrivare. E non sono mancate le polemiche politiche fra chi, come la Lega, chiede basta immigrazione («ucciso a coltellate da uno dei troppi immigrati clandestini che sono irregolarmente in questo paese e invece dovrebbero essere spediti a casa loro» ha commentato Salvini) e chi come don Virginio Colmegna della Casa della Carità rilancia sul bisogno di non lasciare i più fragili «abbandonati per strada». 


Il vescovo Oscar Cantoni

Il vescovo Oscar Cantoni, in lacrime, ha benedetto la salma prima che fosse caricata sul feretro esprimendo «sgomento, dolore ma anche orgoglio per un sacerdote che ha donato la vita a Gesù per gli ultimi. Un Santo della porta accanto per l'amorevolezza e l'aiuto che ha dato a tutti in questa città che ha tanto bisogno di solidarietà». Un velato riferimento al clima che ormai da qualche anno si respira a Como, in particolare dopo l'emergenza del 2016 che portò migliaia di immigrati a fermarsi in città per la chiusura delle frontiere. In seguito a quell' emergenza fu creato un centro di accoglienza smantellato lo scorso anno, proprio dietro la parrocchia di San Rocco. 
 

Johnny Lo Zingaro è stato arrestato, fuggito da Sassari era ancora in Sardegna: "L'ho fatto per amore"

Torna in carcere Giuseppe Mastini, detto Johnny lo zingaro . E' durata poco la latitanza dell'ergastolano fuggito dal penitenziario di massima sicurezza di la mattina del 6 settembre. Gli uomini dello Sco e della squadra mobile di Sassari e Cagliari, coordinati dal direttore del Dac, Francesco Messina, lo hanno individuato mentre si nascondeva in una villetta di Sassari.



Polemiche rinfocolate nei giorni scorsi dal video che ritraeva l'assessore ai servizi sociali togliere la coperta a un senzatetto e, ancora prima, dalle ordinanze sulla sicurezza che hanno creato problemi a chi voleva aiutare i clochard. Oggi il sindaco Mario Landriscina ha annunciato il lutto cittadino nel giorno delle esequie per don Roberto, morto come don Renzo Beretta, altro «prete di strada» assassinato da un immigrato tunisino che ospitava, a Ponte Chiasso, nel settembre del 1999.

Ultimo aggiornamento: 16 Settembre, 08:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA