Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rom morto a 300 all'ora sul Grande raccordo anulare: funerale show con murale

Giovedì 28 Luglio 2022 di Giampiero Valenza
Rom morto a 300 all'ora sul Grande raccordo anulare: funerale show con murale

Il sole picchia duro quando la bara bianca con le maniglie dorate esce dalla Basilica di San Lorenzo al Verano. A quel punto un rosario con un crocifisso fatto di palloncini bianchi e azzurri si leva in cielo insieme alle colombe bianche. Parte una canzone: I will survive, sopravviverò, la canzone lanciata da Gloria Gaynor a fine anni Settanta. E un applauso saluta lui, Nicholas Brischetto, 21enne d’origine rom morto dopo una folle corsa a più di 300 chilometri all’ora sul Grande Raccordo Anulare. L’incidente è avvenuto lo scorso 20 luglio: si trovava a pochissima distanza dall’uscita di Tor Bella Monaca, quando era alla guida di una Audi R8 ed è andato a sbattere contro il guardrail. Il video della sua morte è diventato in pochissimo tempo virale sui social.  

La sera prima dei funerali a Villaggio Falcone (nella borgata chiamata così nel 2008, quando il Comune decise di intitolare il quartiere al giudice ammazzato dalla mafia con la strage di Capaci del 1992) Ferrari e altre auto da corsa sono state fatte sgasare e sfrecciare in strada (quella delle macchine era una delle grandi passioni del ragazzo), lasciando profonde tracce di pneumatici sull’asfalto. Tutto ciò, proprio mentre sul muro del palazzo tra via Raoul Follereau e via Caterina Usai, a bordo di un camioncino con cestello, i writer disegnavano il suo viso in un murale, con la sua R8 e una palma. 

Tra le lacrime dei familiari, una veglia con ospiti illustri: il cantante neomelodico napoletano Kekko Dany, la cui canzone Tutùtù tatatà (celebre per il ritornello “Quann te vec passa’ stu core mije fa’ sempe tututù tatatà”, quando ti vedo passare il mio cuore fa sempre tututù tatatà) è diventata virale su Tik Tok e sottofondo musicale di centinaia di migliaia di video. Ed è lo stesso Kekko a pubblicare un video del momento di celebrazione della salma. A un certo punto si vede qualcuno che gli porge una banconota da cinquanta euro che lui rifiuta. Al che uno dei partecipanti gli dice: «È giusto una cosa simbolica. Lui lo faceva, regalava 50 euro ai cantanti». Nel testo di presentazione, Dany commenta: «Il video può sembrare straziante (ma non è così) ogni nazione del mondo ha una tradizione e la famiglia di Nicholas porta avanti le origini di casa». Nella festa della veglia funebre non sono mancati brindisi, champagne, piccole fontane di fuochi artificiali, lanterne cinesi con le scritte che raccontano dell’amore che ha voluto dimostrare la famiglia. 

Video

A bordo dell’auto andata a sbattere sul Raccordo anulare, anche altri due ragazzi, che sono usciti dall’incidente solo con alcune ferite: Nicholas Cali, 20 anni e una giovane, incinta. Del fatto sono stati informati anche gli investigatori della Squadra mobile e del distretto Casilino. Brischetto e Calì sono infatti cognomi finiti nel mirino della sezione Gico della guardia di finanza per lo spaccio di stupefacenti a Sud di Roma. Tra il 2010 e il 2013 gli investigatori avevano ricostruito una rete di collegamenti con il traffico di droga del clan della camorra Schiavone-Noviello e con diversi pregiudicati delle cosche calabresi. 

Ultimo aggiornamento: 11:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA