Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, blitz all'alba alla Caffarella: nuovo sgombero nell'ex palazzo della Regione

Martedì 5 Luglio 2022 di Camilla Mozzetti
Roma, blitz all'alba alla Caffarella: nuovo sgombero nell'ex palazzo della Regione

Via della Caffarella: ore 6. Di fronte all'ex palazzo della Regione, passato poi al fondo Invimit, tornano le forze dell'ordine. Su delega della Procura, infatti, i carabinieri del comando provinciale di Roma stanno dando esecuzione ad un nuovo decreto di sequestro preventivo dell’immobile occupato. Contestualmente, deciso in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal Prefetto Matteo Piantedosi, è in corso l’attività di sgombero dello stabile da parte delle forze di polizia coordinate dalla Questura di Roma.  Al termine delle operazioni, l’immobile verrà riconsegnato dai carabinieri agli aventi diritto. 

Roma, sgomberato il palazzo occupato alla Caffarella: all'interno più di 100 persone organizzavano feste e assemblee

L’immobile conosciuto come "Villa Greco", era stato occupato per la prima volta lo scorso 6 marzo. Era una domenica quel giorno quando circa 150 attivitisti del gruppo ambientalista "Laboratoria ecologista Autogestita - Berta Caceres" entrarono per la prima nel palazzo. Da lì trascorsero non meno di due settimane prima che intervenissero le forze dell'ordine nonostante il fondo Invimit avesse sporto regolare denuncia la mattina stessa della violazione. Comunque sia, il 24 marzo l'immobile fu liberato ma la parola fine non era stata ancora scritta. Il 7 maggio scorso infatti il palazzo è stato nuovamente occupato da una ventina di persone. 

Lo scorso marzo il palazzo era stato liberato, apposti i sigilli, con porte e finestre murate per evitare nuove incursioni. Tutte precauzioni che, di fatto, non sono valse a nulla e che hanno riportato la clessidra indietro senza contare lo sforzo di personale e dunque di risorse comuni che è stato ora replicato. Questa mattina all'arrivo delle forze dell'ordine nel palazzo c'erano non più di dieci persone. Le operazioni sono ancora in corso.

Ultimo aggiornamento: 16:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA