Contadino sposta il confine di Stato, rischio incidente diplomatico tra Francia e Belgio. Cosa è successo

Mercoledì 5 Maggio 2021 di Enrico Chillè
Belgio-Francia, un contadino sposta il confine tra i due paesi: ecco cosa è successo

Tra Belgio e Francia si è rischiato un clamoroso incidente diplomatico, ma alla fine tutto si è risolto con un sorriso (almeno per ora). Un contadino belga, infatti, ha letteralmente spostato il confine con la Francia, estendendo involontariamente il territorio del suo paese a discapito dei vicini.

 

A raccontare il bizzarro episodio è anche la BBC. Un contadino del posto, che lavora in alcuni campi al confine tra Belgio e Francia ed è solito costeggiare la frontiera col suo trattore, aveva spostato un cippo di confine di qualche metro, in territorio francese, per poter percorrere più facilmente la strada con il mezzo agricolo. Nessuno si era accorto di niente, fino a quando un esperto di storia, durante una passeggiata, aveva notato che quella pietra che indicava il confine tra i due paesi era stata spostata di quasi due metri e mezzo in territorio francese.

 



 

 

Quel cippo di confine, poi, non è una pietra qualsiasi ma un vero e proprio reperto storico. Posato nel 1819, il cippo di confine era stato poi spostato l'anno seguente, per stabilire la nuova frontiera tra Belgio e Francia in seguito al Trattato di Kortrijk, firmato a cinque anni dalla sconfitta di Napoleone Bonaparte a Waterloo. Il cippo della discordia si trova al confine tra il comune belga di Erquelinnes e quello francese di Bousignies-sur-Roc. «Quell'uomo ha ingrandito il Belgio e ridotto il territorio della Francia: non è stata una buona idea» - ha spiegato David Lavaux, sindaco di Erquelinnes - «Io ero anche contento, il mio comune era più grande, ma la mia collega di Bousignies non era molto d'accordo».

 

Anche Aurélie Welonek, sindaca di Bousignies-sur-Roc, ha accolto la notizia con una certa dose di ironia: «Dovremmo essere in grado di evitare una nuova guerra di confine». Le discordie sui confini tra Belgio e Francia hanno radici antichissime e nel corso dei secoli sono state molte le guerre tra i due paesi, culminate poi con accordi di pace che hanno spostato in continuazione la linea di frontiera. Le autorità del Belgio hanno annunciato che contatteranno il contadino responsabile dello spostamento del cippo di confine: l'uomo dovrà rimettere la pietra al suo posto o rischia di essere denunciato. Sull'accaduto potrebbe intervenire anche una commissione sui confini tra Belgio e Francia, che è inattiva dal 1930.

© RIPRODUZIONE RISERVATA