Daisy Coleman morta suicida a soli 23 anni: aveva raccontato su Netflix gli abusi sessuali subiti

Giovedì 6 Agosto 2020
Daisy Coleman morta suicida a soli 23 anni: aveva raccontato gli abusi sessuali subiti su Netflix

Daisy Coleman si è tolta la vita all'età di 23 anni. La giovane attivista americana era la fondatrice di un'associazione che difende i teenager dagli abusi sessuali. Daisy era stata vittima di stupro a 14 anni ed è stata a lungo perseguitata da atti di bullismo online. Nel documentario Netflix "Audrie e Dasy", la Coleman racconta la sua storia, nella speranza di aiutare tutte le donne che hanno vissuto esperienze traumatiche come la sua.

LEGGI ANCHE Ragazzina 13enne incinta si scatta un selfie e poi si lancia dal tetto del palazzo dopo la violenza di 6 uomini

L'altra protagonista del documentario, Audrie Pott, anche lei vittima di abusi sessuali, si tolse la vita nel 2012 a soli 15 anni. Un triste destino toccato anche Daisy Coleman, che ha commesso suicidio lo scorso 4 agosto a Denver. A dare notizia della morte della ragazza è la madre, Melinda Coleman, che su Facebook ha scritto: «Era la mia migliore amica e una figlia fantastica. Non si è mai ripresa da quello che quei ragazzi le hanno fatto: è ingiusto. La mia bambina non c’è più».
 

My daughter Catherine Daisy Coleman committed suicide tonight. If you saw crazy / messages and posts it was because I...

Pubblicato da Melinda Moeller Coleman su Martedì 4 agosto 2020

Ultimo aggiornamento: 7 Agosto, 16:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA