Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Irlanda, scoperta macabra nel pub: sei scheletri con mani e piedi legati nascosti sotto il pavimento

Lunedì 13 Giugno 2022
Irlanda, sei scheletri con mani e piedi legati trovati nel retro di un pub: è giallo

Erano nascosti sotto le assi del pavimento nel retrobottega di un pub: così sei scheletri umani con mani e piedi legati sono stati ritrovati durante i lavori per la ristrutturazione di un vecchio pub a Cork, in Irlanda. Dopo la macabra scoperta, gli operai hanno immediatamente avvertito le autorità e un team di archeologi. 

La scoperta per caso 

Il ritrovamento è avvenuto otto mesi fa, quando il pub Nancy Spain's, chiuso da anni, è stato rilevato dal Comune di Cork. L'amministrazione aveva intenzione di demolire la struttura, ma al momento del sopralluogo gli operai hanno trovato i resti umani nascosti. Così la demolizione è stata sospesa e gli archeologi hanno recuperato le ossa da analizzare in laboratorio. Sono in corso le analisi per capire a che epoca risalgono le ossa rinvenute e ipotizzare le ragioni del decesso. 

L'ipotesi degli archeologi: un'esecuzione sommaria 

Secondo gli esperti si tratterebbe di individui di sesso maschile, tre dei quali avevano tra i 18 e i 25 anni. Gli uomini sono morti con mani e piedi legati, forse a seguito di un'esecuzione sommaria e gettati in una fossa comune. Secondo le prime ipotesi formulate dagli archeologi, potrebbe trattarsi di giovani militari uccisi a Cork durante l'insediamento Iberno-scandinavo tra la fine dell'XI e l'inizio del XII secolo. Le sei vittime sarebbero morte in modo "violento e raccapricciante". Questi resti potrebbero aprire nuovi orizzonti di studio su quel periodo storico. 

Ultimo aggiornamento: 19:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA