Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morte Maradona, l'accusa delle figlie: «Indagini fuorviate dal suo ex manager»

Giovedì 5 Maggio 2022 di Francesco De Luca
Morte Maradona, l'accusa delle figlie: «Indagini fuorviate dal suo ex manager»

Si apre un nuovo fronte giudiziario sulla morte di Diego Armando Maradona, avvenuta il 25 novembre 2020. Le figlie di Diego, Dalma e Gianinna, hanno presentato un esposto alla procura di San Isidro per chiedere un'indagine sull'avvocato Matias Morla, che era stato legale e rappresentante del padre e che tuttora gestisce il marchio Maradona (i diritti di immagine appartengono, invece, all'imprenditore italiano Stefano Ceci). Secondo Dalma e Gianinna, Morla avrebbe fuorviato le indagini, favorendo i responsabili della morte del Campione. Accuse tutte da dimostrare e contestate da Marcelo D'Alessandro, legale di Morla.

D'Alessandro ha dichiarato ai media argentini che Dalma e Gianinna Maradona hanno un solo obiettivo ed è quello di tornare in possesso di marchio e diritti di immagine del padre, che vennero ceduti nell'agosto 2020, tre mesi prima della morte, da Diego a Morla e Ceci con un atto notarile, anche questo contestato dalle due donne. «La loro è un'ossessione», ha detto D'Alessandro. Nell'esposto presentato presso la procura di San Isidro le figlie di Maradona e Claudia Villafane hanno chiesto ai magistrati la convocazione di Morla, che si è trasferito a Barcellona e avrebbe così evitato la notifica di alcuni atti giudiziari.

Intanto, Napoli si prepara a ricordare Maradona con due eventi. Lunedì 9 maggio, alle ore 15, a Palazzo San Giacomo Ceci consegnerà al sindaco Gaetano Manfredi una riproduzione in scala della statua di Diego che è stata installata nello spogliatoio dello stadio e ad Aurelio De Laurentiis quella del piede sinistro del Pibe. Martedì 10 maggio, alle ore 16.30, nella Cappella San Gennaro all'interno del Duomo vi sarà una messa per ricordare il Capitano del Napoli nel giorno del trentacinquesimo anniversario del primo scudetto. Questo omaggio è stato organizzato dall'associazione Leggende del Napoli, di cui fanno parte ex calciatori azzurri compagni di Diego.

Ultimo aggiornamento: 6 Maggio, 00:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA