Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Marocco riavrà il suo dinosauro. E' il “papà” del mostro di Lochness

Giovedì 20 Aprile 2017
Il Marocco riavrà il suo dinosauro. E' il “papà” del mostro di Lochness

Il Marocco riavrà il suo dinosauro marino. Scoperto a febbraio, mentre stava per essere venduto all'asta, a Parigi, il plesiosauro di 66 milioni di anni, noto come il papà del mostro di Lochness, torna a casa, a Rabat. Un rientro che conclude una lunga battaglia diplomatica. I proprietari dello scheletro, accusati di aver sottratto illegalmente lo Zarafasauro oceanico, hanno accettato l'accordo giudiziario ritirando il reperto dalla vendita. Fossile considerato eccezionale, per lo scheletro completo al 75% e per e le dimensioni - quasi 12 metri di lunghezza - era stato proposto all'asta per una base di 450 mila euro, dall'hotel Drouot di Parigi.
 

 


È stata una Ong di Rabat a sollevare il caso, sospettando che il plesiosauro di sicura provenienza marocchina fosse stato esportato illegalmente. Un tesoro patrimoniale unico, finito chissà come in Francia, pronto per essere venduto a qualche museo o collezionista del mondo. La denuncia aveva messo in moto le autorità e quando queste di sono rivolte alla casa d'aste, il proprietario dello scheletro è stato raggiunto da un avviso di garanzia perché nel frattempo era scattate l'inchiesta. Riconosciuta la provenienza, i proprietari hanno bloccato la vendita e grazie all'intermediazione dell'ambasciata del Marocco in Francia, hanno riconsegnato il fossile. Saranno risarciti delle spese di restauro e di ricostruzione dello scheletro. La denuncia per sottrazione di bene e per esportazione illecita di fossile seguirà il suo corso. Alla casa d'aste il plesiosauro risultava con tutte le carte in regola

Ultimo aggiornamento: 22 Aprile, 16:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA