Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Migranti, 37 morti a Melilla soffocati nella calca. Sanchez: «Colpa dei trafficanti di persone»

Sabato 25 Giugno 2022
Migranti, 27 morti a Melilla soffocati nella calca. Sanchez: «Colpa dei trafficanti di persone»

Migranti, con il passare delle ore si delinea l'orrore di quanto è successo a Melilla, la citta enclave spagnola situata in Marocco (l'altra è Ceuta situata in pratica di fronte a Gibilterra e di conseguenze meno esposta). Sarebbe ora di 37 il bilancio delle persone morte ieri nel corso di un caotico tentativo di entrata di migranti in territorio spagnolo dal Marocco: lo afferma Helena Maleno, nota attivista spagnola e portavoce dell'ong Caminando Fronteras. «Le cifre non sono definitive, possono aumentare ancora», ha affermato. Il bilancio ufficiale delle autorità marocchine parla di 18 morti e 63 feriti tra i migranti e più di 140 feriti tra agenti delle forze dell'ordine.

Finlandia, barriere al confine con la Russia per difendersi da Putin: il governo pronto varare la legge

La denuncia

La denuncia è dell'ong spagnola Caminando Fronteras, attraverso la sua portavoce Helena Maleno, e l'ong Associazione Marocchina dei diritti umani. In un comunicato, le ong hanno inoltre denunciato che ci sarebbero centinaia di feriti, sia tra i migranti sia tra gli agenti delle forze dell'ordine marocchine. Amnesty International ha espresso «grande preoccupazione» per quanto accaduto e chiede «un'indagine indipendente» sull'episodio. Secondo le autorità spagnole, dopo i fatti di ieri la notte sul confine di Melilla è stata tranquilla, riporta l'agenzia di stampa Efe.

Migranti, Lamorgese: «Prossimo decreto flussi avrà più di 70mila posti per lavoratori stranieri»

Migranti, cosa ha detto Sanchez

Alla frontiera di Melilla tra Marocco e Spagna c'è stato «un assalto violento e organizzato» contro l'enclave iberica, responsabilità di «mafie che trafficano con esseri umani»: è quanto sostenuto dal premier spagnolo, Pedro Sánchez. «È stato un attacco all'integrità territoriale del nostro Paese», ha affermato in conferenza stampa.

Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 07:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA