Armando Siri, il fedelissimo di Salvini che spacca il governo

Armando Siri, il fedelissimo di Salvini che spacca il governo
ARTICOLI CORRELATI
​Armando Siri, il fedelissimo di Salvini che spacca il governo. Scoppia il caso Siri e si spacca il governo gialloverde. La notizia del sottosegretario leghista alle Infrastrutture Armando Siri, salviniano doc, indagato dalla procura di Roma per corruzione, piomba sulla maggioranza come un macigno di primo mattino. A via Bellerio scatta l'allarme e corrono ai ripari. L'ordine di scuderia, arrivato da Matteo Salvini, raccontano all'Adnkronos, è difendere a spada tratta il suo fedelissimo, senatore e ideologo della flat tax, confermandogli la fiducia.

Siri (Lega) indagato per corruzione. Il pm: tangente da 30mila euro, Toninelli gli toglie le deleghe al Mit

Siri, indagato anche Arata, l'interlocutore dell’Assessorato all’Energia della Regione Sicilia

 




Da qui la decisione di fare una nota che vale come linea ufficiale del partito senza ricorrere a dichiarazioni alla spicciolata di parlamentari: «Piena fiducia le sottosegretario Siri, nella sua correttezza. L'auspicio è che le indagini siano veloci per non lasciare nessuna ombra».

A stretto giro di posta arriva la dura reazione dei vertici M5S che chiedono le dimissioni dell'esponente governativo. Luigi Di Maio è categorico: «Ho appreso i fatti venendo qui, e se i fatti fossero questi, Siri dovrebbe dimettersi». Sulla stessa linea Alessandro Di Battista: «Ho sempre sostenuto questo governo, lo sosterrò ancor di più se il sottosegretario Siri si dimetterà il prima possibile».
Giovedì 18 Aprile 2019, 13:25 - Ultimo aggiornamento: 18-04-2019 13:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP