Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, al lavoro mascherine Ffp2, misurazione febbre e mense contingentate. La bozza

Giovedì 30 Giugno 2022 di Rosario Dimito
Covid, al lavoro mascherine Ffp2, misurazione febbre e mense contingentate. La bozza

Il personale, prima dell’accesso al luogo di lavoro potrà essere sottoposto al controllo della temperatura corporea. Se tale temperatura risulterà superiore a 37,5°C, non sarà consentito l’accesso ai luoghi di lavoro. Le persone in tale condizione – nel rispetto delle indicazioni riportate in nota – saranno momentaneamente isolate e fornite di mascherina FFP2 ove non ne fossero già dotate, non dovranno recarsi al Pronto Soccorso e/o nelle infermerie di sede, ma dovranno contattare nel più breve tempo possibile il proprio medico curante e seguire le sue indicazioni. E’ quanto prevede il nuovo Protocollo condiviso di regolamentazione per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Sars-cov- 2/Covid-19 che il Messaggero.it è in grado di rivelare.

Omicron, nuova ondata in autunno? Lopalco: «Se la variante non sarà gestibile, ipotesi dad e lockdown»

Omicron 5, contagi in forte crescita: dieci consigli sempre utili per evitare il virus. I rischi dell'imprudenza

Covid, la bozza

Sembra di essere tornati indietro di un anno almeno. Il datore di lavoro assicura la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago. È obbligatorio che le persone presenti nel luogo di lavoro adottino tutte le precauzioni igieniche, in particolare per le mani. È raccomandata la frequente pulizia delle mani, con acqua e sapone. L’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo facciali filtranti FFP2 rimane un presidio importante per la tutela della salute dei lavoratori ai fini della prevenzione del contagio, soprattutto nei contesti di lavoro in ambienti chiusi e condivisi da più lavoratori o aperti al pubblico o dove comunque non sia possibile il distanziamento interpersonale di un metro per le specificità delle attività lavorative. A tal fine, il datore di lavoro assicura la disponibilità di FFP2 al fine di consentirne ai lavoratori l’utilizzo nei contesti a maggior rischio. L’accesso agli spazi comuni, comprese le mense aziendali, le aree fumatori e gli spogliatoi è contingentato.

Ultimo aggiornamento: 20:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA