Una supercura per salvare Gianni: costa 300mila euro ma la guarigione è quasi certa

Sabato 8 Febbraio 2020 di Ettore Mautone
Gianni, 14 anni (il nome è di fantasia) è di Pozzuoli ed è malato di leucemia acuta di tipo B. Le ha provate tutte per curarsi da quando aveva 8 anni. Neanche il trapianto di midollo osseo, donato dal padre nel 2013, è riuscito a frenare la ripresa della malattia, che avanza senza pietà. L'unica speranza per lui è l'immunoterapia Car-t. Un'innovativa cura anticancro messa a punto negli Usa e capace di straordinari successi. Approvata in Europa, in Italia Aifa, l'ente regolatore dei nuovi farmaci, l'ha concessa a un ristretto numero di casi selezionati. Gianni è tra questi. Franco Locatelli, direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia e Terapia cellulare genica del Bambin Gesù di Roma, gliel'ha prescritta: basta una sola somministrazione e le percentuali di guarire definitivamente diventano quasi una certezza. Unico limite, il costo. Una fiala costa oltre 300mila euro e richiede una complessa procedura. L'Asl Napoli 2 Nord non si è tirata indietro, il manager ha firmato l'ordine di acquisto. Il farmaco sarà somministrato in un'unica soluzione al Bambin Gesù di Roma nelle prossime settimane.

LEGGI ANCHE Francesca come il piccolo Alex: solo il trapianto può salvarla

Per preparare la fiala sono state prelevate le cellule del paziente (i Linfociti T) ed è stato modificato il Dna introducendo un recettore particolare, che come un mirino infallibile darà la caccia alle cellule malate fino ad annientarle. Un'infusione somministra da 10 a 250 milioni di cellule che aggrediscono fino a sconfiggere le cellule tumorali. «Uno dei principi fondamentali del nostro sistema sanitario - dice il manager dell'Asl Antonio D'Amore - è garantire l'universalità delle cure. Tutti insieme, come collettività, ci facciamo carico del costo delle cure di chi ne ha bisogno. Come medici e come amministratori abbiamo il dovere di garantire che le risorse vengano investite correttamente per i casi in cui ce n'è necessità. Noi tutti speriamo che Gianni guarisca». I farmaci Car-T sono stati autorizzati presso i centri specialistici selezionati dalle Regioni per pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B, resistenti alle altre terapie o nei quali la malattia sia ricomparsa, e per pazienti fino a 25 anni di età con leucemia linfoblastica acuta a cellule B. Anche il Pascale, presso l'unità diretta da Paolo Ascierto, sta sviluppando un super laboratorio finanziato dalla Regione. I Car-t sono ultima frontiera dell'immunoterapia contro i tumori.

LEGGI ANCHE «Forza Serena», la Rete si mobilita per la 17enne di Pomigliano 

In Campania i primi trattamenti sono tuttavia già partiti a dicembre scorso al policlinico di Napoli Federico II grazie a un'intesa firmata con l'ospedale Bambin Gesù di Roma. Qui lavorano due ricercatori campani, Elena Quintarelli (che si è formata presso la cattedra partenopea di Oncoematologia diretta da Fabrizio Pane, maturando una lunga esperienza all'estero) e Biagio De Angelis, entrato stabilmente nella squadra del Bambin Gesù presso il dipartimento diretto da Locatelli. «L'approccio terapeutico di Car-t - avverte Pane - offre opportunità sorprendenti ma, per la sua complessità, deve incontrare gestione adeguata». Insieme a Sabino De Placido (ordinario di Oncologia medica) Pane sta sviluppando i primi trattamenti in accordo con il Bambin Gesù che produce in questo caso in proprio i farmaci. Al momento sono un paio le big company che producono il kit ma dall'Oriente si affacciano nuovi competitor. Uno dei nodi sono i costi elevati dei kit. Negli Usa il trattamento per i due protocolli autorizzati (Kymriah o Yescarta) costa fra i 350.000 e i 450.000 dollari. In Europa le cifre sono poco inferiori. Numerosi i potenziali pazienti. Dunque è necessario individuare sistemi che rendano sostenibile la cura e ne estendano l'accesso. © RIPRODUZIONE RISERVATA