Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

Covid, ripresa lenta per il commercio: solo un cittadino su due pronto a tornare a vivere negozi, ristoranti e bar

Giovedì 14 Maggio 2020 di Camilla Mozzetti
Covid, ripresa lenta per il commercio: solo un cittadino su due pronto a tornare a vivere negozi, ristoranti e bar

Non basterà riaprire i negozi per vedere i romani tornare a fare acquisti che non siano "necessari" come la spesa alimentare. A pesare nelle prossime settimane sarà un'incertezza diffusa che vedrà solo un cittadino su due tornare a vivere il commercio anche come forma di distrazione e di svago. Eccolo uno degli effetti del Covid19. Dal 18 maggio, salvo cambiamenti dell'ultimo minuto legati all'indice dei contagi, molte attività commerciali riapriranno ma poco più della metà degli italiani (53,6%) tornerà come prima nei negozi e meno di due su quattro (42,5%) nei centri commerciali: lo rivela un sondaggio di IZI con Comin & Partners sulla propensione dei consumatori nei confronti della riapertura ai tempi del Coronavirus.

Palestre, amici, bar, ristoranti e mascherine: ecco come riparte l'Italia da lunedì 18 maggio



I più penalizzati - almeno nel breve periodo - saranno bar e ristoranti. Secondo l'indagine, infatti, il contesto sanitario e normativo penalizza gli esercenti come i consumatori: oltre la metà degli italiani (55%) non frequenterà più come prima i ristoranti e quasi la metà (48%) degli intervistati (un campione di oltre mille persone dai 18 anni in su) non tornerà nei bar con la stessa frequenza, rispetto alle abitudini pre Covid-19.

Fase 2, le regole del governo alle Regioni per riaprire spiagge, negozi e locali. Le Regioni: inapplicabili

Ed è proprio analizzando le risposte in base all'età che si scopre come i giovani (tra i 18 e i 34 anni) nel 55,5% dei casi frequenteranno molto meno i locali rispetto ai mesi precedenti l'emergenza.  In generale, i giovani sono tra coloro che manifestano un atteggiamento più deciso nel voler limitare alcune attività rispetto al periodo precedente al Coronavirus. Il 10%, ad esempio, non tornerà a frequentare più i bar, circa il 9% i ristoranti e l’8% i centri commerciali. Lo stesso vale per chi ha un'età compresa tra i 35 e i 54 anni. In questo caso circa il 58% dichiara che andrà meno di prima nei ristoranti e solo due su quattro (43,5%) è pronta a tornare a fare colazione al bar come prima dell’emergenza. Più della metà (53,3%) si recherà invece a fare acquisti nei negozi.

Virus, Lopalco: «L'uomo invade gli ambienti naturali, così aumenterà la frequenza delle pandemie»

A sorpresa i più coraggiosi sono gli over 55, ovvero le persone che stando ai dati sui contagi dall'inizio della pandemia risultano più fragili e maggiormente attaccabili dal virus. Il 60% di loro si dichiara pronto a tornare a fare shopping e il 45% a fare colazione al bar. A questa fascia d’età sono mancati molto anche i centri commerciali, tanto che il 44% ha voglia di tornare a frequentarli come prima dell’emergenza.


 

 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA