CORONAVIRUS

Roma, allerta per il primo weekend della Fase 2. Folla ai Navigli, l'ultimatum di Sala: li chiudo

Venerdì 8 Maggio 2020
Roma, allerta per il primo weekend della Fase 2: spiagge e movida, controlli potenziati

La Capitale è pronta per il primo fine settimana della Fase 2. Roma si prepara al primo weekend della Fase 2 dell'emergenza coronavirus. Per timore di assembramenti nei tradizionali luoghi di svago e ritrovo pre Covid già da stasera forze dell'ordine e polizia locale potenziano i controlli sulle strade in uscita dalla Capitale, verso il litorale e i laghi, nei parchi. Controlli anche in alcune zone della movida in particolare all'esterno dei locali aperti per vendita take away.

LEGGI ANCHE --> Serie A, la sottosegretaria alla Salute Zampa: «Si va verso la ripresa»

Dopo due mesi di lockdown, complice il sole e la temperatura mite, in tanti potrebbero essere tentati da una 'fuga' dalla città. Sotto la lente di forze dell'ordine e vigili urbani le località del litorale per verificare anche eventuali tentativi di raggiungere le seconde case o la spiaggia. Massima attenzione anche agli ingressi in città con posti di controllo sulle principali arterie. Rafforzati i controlli 'anti-assembramento' in parchi e ville storiche e all'esterno dei locali riaperti per la vendita da asporto.
 

 

Ultimatum di Sala. «O le cose cambiano oggi, non domani, è un ultimatum, o io domani come al solito sarò qui a Palazzo Marino e prenderò provvedimenti, chiudo i Navigli e chiudo l'asporto». Il giorno dopo le immagini dei Navigli, apparentemente troppo affollati all'ora dell'aperitivo, Giuseppe Sala parla chiaro e tondo ai cittadini: «quando c'è da ringraziare i milanesi per il loro comportamento virtuoso io sono sempre il primo a farlo e mi piace anche. Però ci sono dei momenti in cui c'è da incazzarsi e questo è uno di quelli: le immagini di ieri lungo i Navigli sono vergognose». E per evitare che si ripetano oggi sono stati significativamente rafforzati i controlli in zona, mentre il vicesindaco Anna Scavuzzo assicura che ci saranno «più vigili in giro e saranno in forze lungo tutto l'asse, non soltanto nel Naviglio, ma nella Darsena, alle Colonne, in tutto il quadrante interessato. Ci sarà un'attenzione diffusa perché non vogliamo fare uno spostamento di Movida, c'è attenzione su tutta la città» e dunque anche sulle aree verdi con 1100 'ghisà al lavoro nel fine settimana. Il sindaco non è l'unico amareggiato da quelle foto, che hanno fatto rapidamente il giro del web, dando il via a una polemica anche politica. «Quelle immagini - dice Mariastella Gelmini, capogruppo di FI alla Camera e consigliere comunale a Milano - sono preoccupanti ed è giusto chiedere la collaborazione dei cittadini: forse però più che pensare a chiusure, basterebbe la presenza, anche solo con funzione, dissuasiva della polizia municipale».

La polemica. «Dal sindaco - le fa eco Ignazio La Russa, vicepresidente del Senato - mi aspetterei toni più da moral suasion piuttosto che toni dittatoriali». «Sentir parlare di chiusura dei Navigli da parte di chi a febbraio beveva Spritz - aggiunge il capogruppo della Lega in Comune Alessandro Morelli - farebbe sorridere se non fosse che parliamo dei milanesi. Dopo gli annunci non esiste il famoso piano di ripartenza». Alle preoccupazioni del sindaco, si aggiungono quelle del presidente di Confcommercio Carlo Sangalli, per il quale «colpisce la differenza tra l'ordine e la responsabilità con cui hanno riaperto diverse attività commerciali, servendo migliaia di persone in sicurezza, e l'affollamento incosciente e dannoso dei Navigli». Ed è il presidente dell'Iss Silvio Brusaferro a ricordare che il virus non ha cambiato né identità né caratteristiche, perciò violare le regole di comportamento potrebbe facilitare la circolazione. «Le immagini di folla a Milano - aggiunge Gianni Rezza - fanno preoccupare: economia e salute non sono in contrasto. Bisogna aumentare i controlli sanitari proprio per favorire le riaperture. Invito assolutamente a rispettare le norme di distanziamento sociale e l'uso di mascherine». All'ora di pranzo, mentre la polemica dilaga sui social, dividendo milanesi e non solo tra chi vede nelle foto degli «idioti» e chi invece nota quanto la prospettiva comprima le persone, facendo sembrare affollato anche un luogo che non lo è, sono i ristoratori a dire la loro. Sono stati i capannelli attorno a un ambulante che vendeva birra, secondo vari gestori di locali sui Navigli, a dare l'idea di assembramenti che erano limitati a questa unica situazione. «A parte attorno al baracchino, sull'Alzaia erano quasi tutti a coppie, con la mascherina - assicura Roberto Pasqualotto, dell'Officina 12 -. Chi dice che ieri c'era tanta gente, o non c'era o è in mala fede e la prospettiva di certe immagini è fuorviante. Visto che Sala minaccia, venga lui a vedere. Dalle 21 è il deserto». «Poi lo spiegate voi ai baristi - chiude Sala - perché il sindaco non gli permette di vendere. Io mi prendo le mie responsabilità e stasera ci metto più vigili ma ve lo ripeto, non è un guardie e ladri, non è un gioco».

Ultimo aggiornamento: 19:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA