Emergenza topi, il sindaco all'Asl:
rischio malattie, subito interventi

di Carmen Incisivo

Un intervento straordinario e un potenziamento delle attività che vengono normalmente programmate in questo periodo per provare a dare una risposta concreta ed efficace all’emergenza topi e ratti in città. È quanto richiesto dal sindaco Enzo Napoli all’Asl di Salerno cui spetterà l’arduo compito di tenere sotto controllo una situazione incresciosa. Una criticità, quella dell’eccessiva presenza e proliferazione di roditori di medie e grandi dimensioni, che si ripresenta ciclicamente mettendo in allarme i cittadini e dando non pochi grattacapi ai soggetti deputati a garantire la derattizzazione della città e delle sue aree più sensibili come, ad esempio, le scuole. Il video di un gabbiano che trascina con il becco un topo in pieno corso Vittorio Emanuele è diventato molto più che virale suscitando un’ondata di indignazione da parte di tutte le componenti della società che ha trovato sintesi nella missiva che il sindaco ha indirizzato con somma urgenza all’Asl alla quale viene chiesto, senza mezzi termini, «un intervento straordinario» determinato dal «rischio igienico-sanitario». 

«Sono pervenute numerose segnalazioni da parte di cittadini, diffuse con grande clamore anche dalla stampa locale, di presenze di ratti di notevoli dimensioni in città – scrive Napoli - L’arrivo della bella stagione e il conseguente aumento delle temperature, in uno con una evidente mancanza di attività di profilassi sanitaria, ha provocato l’incremento abnorme su tutto il territorio comunale di animali pericolosi e infestanti». E ancora: «Non sfugge che tale situazione determina una vera e propria emergenza igienico sanitaria per il pericolo concreto della diffusione di gravi malattie proprio attraverso i ratti, insetti ed ogni altro agente potenzialmente portatore di patologie, con elevato rischio per le fasce più deboli della popolazione, vale a dire i bambini e le persone anziane. Pertanto risulta improcrastinabile che codesta Asl faccia fronte a tale emergenza adottando con ogni urgenza un piano straordinario di interventi di sanificazione, disinfestazione e derattizzazione dell’intero territorio comunale, rientranti nella sua esclusiva competenza». Ora il Comune resta in attesa «di conoscere il calendario degli interventi straordinari che sarà programmato».

Intanto, però, la polemica imperversa. «Già un anno fa avevo denunciato il degrado e presentai una denuncia alla Procura – attacca l’avvocato Matteo Marchetti, presidente del Codacons Salerno - e ne conseguì una derattizzazione quasi immediata. Non si può più tollerare tanto degrado nella nostra città. Denunceremo di nuovo il fatto alla Procura ravvisando il reato di epidemia colposa. In una città turistica, come si vuol far credere che sia Salerno, è assurdo che si debbano vedere immagini del genere e non si pensi ad una disinfestazione tempestiva». 
Venerdì 18 Maggio 2018, 06:45 - Ultimo aggiornamento: 18-05-2018 06:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP