Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ragazzino picchiato, due giovani
sott’accusa: «Seminano il panico»

Mercoledì 9 Marzo 2022 di Carmela Santi
Ragazzino picchiato, due giovani sott’accusa: «Seminano il panico»

Sarebbero stati individuati i due aggressori del ragazzo di 15 anni di Vallo della Lucania, picchiato e ferito con un coltello lunedì mattina mentre si recava a scuola. Ad agire sarebbe stato un ragazzo con precedenti, già in passato arrestato per atti di vandalismo, e un suo complice, un ragazzo straniero. I due non sono originari di Vallo ma da qualche giorno stanno creando il caos nel centro cittadino. Non hanno una fissa dimora, dormono per strada e di giorno minacciano e tentano di derubano poveri malcapitati. Sull’episodio di lunedì non è stata sporta nessuna denuncia, ma ad indagare sono i carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania, agli ordini del maggiore Annarita D’Ambrosio.

A quanto pare quello sul ragazzino è solo l’ultimo di una serie di episodi di violenza che hanno visto protagonisti i due aggressori. «Questi due la settimana scorsa erano a Vallo Scalo e sono entrati nell’istituto alberghiero Ancel Keys seminando panico. Minacciando i professori di dare fuoco alla scuola. Mia figlia è tornata a casa terrorizzata» racconta una mamma. I due sono stati avvistati anche ieri martedì nel centro cittadino. Una loro fotografia che li ritrae con fare minaccioso ha fatto il giro delle chat di WhatsApp tra i ragazzi messi in allarme da quanto accaduto al quindicenne. «Attendiamo un intervento delle forze dell’ordine, abbiamo paura», chiosa uno studente. L’aggressione di lunedì mattina è avvenuta lontano dall’istituto scolastico frequentato dal quindicenne. Precisamente è stato sorpreso dai due aggressori nei pressi del parcheggio comunale, in via Passariello, situato a pochi passi dal centro cittadino. Il ragazzino, originario del centro cilentano, con papà vallese e mamma ucraina, è stato avvicinato da due che lo hanno iniziato a prendere a calci e pugni. Nella colluttazione il quindicenne è rimasto anche ferito con un’arma da taglio. Alla base dell’aggressione il tentativo da parte dei due uomini di derubare lo studente.

Roma, ragazzo 17enne aggredito dalla baby gang in un negozio sulla Tuscolana: mandibola rotta

Probabilmente il quindicenne ha reagito, finendo vittima della violenza dei suoi aggressori. Non appena è riuscito a liberarsi ha chiesto aiuto ed è stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale San Luca dove, alla presenza della mamma, è stato sottoposto alle cure necessarie. Per lui fortunatamente solo tanta paura e nessuna grave conseguenza. Ha cercato di ricostruire quanto accaduto ma era in evidente stato di choc. L’episodio ha messo in allarme la comunità locale. È collegato ad uno dei due aggressori anche l’episodio di scippo denunciato da una donna in pieno centro cittadino a Vallo. Una giovane è stata strattonata e buttata a terra sempre da parte dei due ragazzi, che hanno tentato di rubarle la borsa. Lei ha reagito finendo a terra. «Non si può stare tranquilli - lamentano i cittadini - nei confronti di questi due vanno presi seri provvedimenti».

Ultimo aggiornamento: 06:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA