Cannabis, chi la consuma ha il doppio delle possibilità di avere un infarto: lo studio americano

Martedì 7 Settembre 2021
Chi consuma cannabis ha il doppio delle possibilità di avere un infarto: lo studio americano

Video

Che sia fumata o anche quella mangiata perché commestibile, la cannabis aumenta significativamente il rischio di infarto. Lo dice una ricerca pubblicata martedì sul Canadian Medical Association Journal: gli adulti sotto i 45 anni che hanno consumato cannabis negli ultimi 30 giorni hanno sofferto quasi del doppio degli infarti rispetto agli adulti che non hanno usato il farmaco.

Torino, coltivano piante di cannabis: arrestati un 39enne e un 61enne

Lo studio

I ricercatori hanno analizzato i dati sulla salute di oltre 33.000 adulti di età compresa tra 18 e 44 anni inclusi nei sondaggi dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie nel 2017 e nel 2018. Del 17% degli adulti che hanno riferito di aver fatto uso di cannabis nel mese precedente, l'1,3% in seguito ha avuto un infarto mentre solo lo 0,8% dei non consumatori di cannabis ne ha avuto uno.

C'è chi crede che il consumo di cannabis non possa danneggiare la salute. «Ma non è così - spiega l'autore principale dello studio Karim Ladha, medico-scienziato e anestesista del personale presso il St. Michael's Hospital e l'Università di Toronto in Canada - Ci sono prove crescenti che questo potrebbe essere potenzialmente dannoso, sia a breve che a lungo termine».

La frequenza cardiaca irregolare

«Lo studio non ha analizzato come la cannabis influisce sulla salute del cuore - ha detto Ladha - ma ha notato che ricerche precedenti hanno mostrato che il farmaco può influenzare la frequenza cardiaca di un utente. Quando la frequenza cardiaca di qualcuno diventa irregolare, può aumentare la quantità di ossigeno di cui il cuore ha bisogno. Allo stesso tempo, la cannabis può limitare questa quantità di ossigeno fornita al cuore. Quello che si finisce per avere è questa discrepanza tra la domanda e l'offerta di ossigeno che fondamentalmente porta ad attacchi di cuore».

 

 

Ultimo aggiornamento: 14:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA