CORONAVIRUS

Covid, carne di maiale positiva al nuovo coronavirus: la scoperta in un mercato della Cina

Giovedì 3 Dicembre 2020
Covid, carne di maiale positiva al nuovo coronavirus: la scoperta in un mercato della Cina

Nuovo allarme Covid in Cina, ancora una volta per gli animali positivi. Un campione di carne di maiale importata trovato in un mercato a Yuhuan, nella provincia dello Zhejiang in Cina orientale, è risultato positivo al nuovo coronavirus. Lo hanno dichiarato oggi le autorità locali. Il campione è stato prelevato da un lotto di carne di maiale congelata importata dal Brasile. Secondo un sistema di tracciamento per gli alimenti congelati basato sul blockchain, la carne è entrata in Cina il 28 settembre attraverso il porto di Yangshan a Shanghai. Il centro municipale di controllo e prevenzione delle malattie di Yuhuan ha detto che il campione, prelevato da un banco che vende carna di maiale in un mercato di Yuhuan, è risultato positivo la scorsa notte.

«Il Covid ha avuto origine in India nell'estate del 2019». L'ultima tesi dubbia degli scienziati cinesi

Le autorità locali hanno sigillato la carne, disinfettato il mercato e le aree circostanti e messo in quarantena 55 persone che vi erano entrate direttamente a contatto. I risultati dei tamponi molecolari di tutti i contatti stretti sono risultati negativi. Anche trenta campioni alimentari e ambientali raccolti dal mercato sono risultati negativi. La Cina ha intensificato gli sforzi per bloccare la trasmissione del nuovo coronavirus attraverso gli alimenti importati. A metà novembre il ministero dei Trasporti ha pubblicato una serie di linee guida per prevenire la trasmissione del nuovo coronavirus attraverso gli alimenti congelati importati per via stradale e acquatica. Il meccanismo di prevenzione e controllo congiunto del Consiglio di Stato contro la Covid-19 ha anche presentato un piano per la gestione lungo l'intera filiera, a circuito chiuso e tracciabile degli alimenti congelati importati.

Coronavirus dei suini, una nuova insidia da monitorare: «Può replicarsi nelle cellule umane»

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA