Covid Italia, bollettino oggi lunedì 6 settembre: 3.361 casi (943 in Sicilia) e 52 morti, ricoveri in aumento (+86). Tasso positività al 2,5%

Lunedì 6 Settembre 2021
Covid Italia, bollettino oggi lunedì 6 settembre: 3.361 casi (943 in Sicilia) e 52 morti, ricoveri in aumento (+86). Tasso positività al 2,5%

Covid in Italia, il bollettino di oggi lunedì 6 settembre 2021. Sono 3.361 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 5.315. Sono invece 52 le vittime in un giorno, tre in più di ieri.  Sono 134.393 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore. Ieri erano stati 259.756. Il tasso di positività è del 2,5%, rispetto al 2% di ieri.

 

Scuola: green pass, quarantena, mascherine, ingressi, palestre e mense: tutte le regole per il ritorno in classe

 

In Sicilia sono stati rilevati 943 casi, in Emilia Romagna 513 e in Toscana 313. Gli attualmente positivi sono 136.020 (-682) dei quali 4.302 ricoverati nei reparti ordinari (+86) e 570 in terapia intensiva (-2). Restano in isolamento domiciliare 131mila pazienti mentre sono 3.977 le persone dimesse o guarite.

 

 

Covid, il bollettino: i dati dalle Regioni

Dall'inizio della pandemia i casi sono 4.574.787, i morti 129.567. I dimessi e i guariti sono invece 4.309.200, con un incremento di 3.977 rispetto a ieri, mentre gli attuali positivi sono 136.020, con un decremento di 682 casi nelle ultime 24 ore.

 

Veneto, 274 contagi 

Salgono ancora, in maniera più lieve per il fine settimana, i dati della pandemia in Veneto: il bollettino regionale segnala 274 nuovi casi nelle ultime 24 ore, con il totale a 458.467, e un decesso, con il totale a 11.701. Crescono anche gli attuali malati, 13.242, 32 in più nelle ultime 24 ore. Cresce anche l'incidenza dei casi sui tamponi, pari al 2,1%, con 13.024 test effettuati, di cui 5.488 molecolari e 7.536 antigenici. Crescono leggermente infine i dati ospedalieri, con 233 ricoverati in area non critica (+6) e 52 (+3) in terapia intensiva.

 

Green pass, l'80% dei sanitari sospesi continua a lavorare. L'Ordine dei medici: «Commettono un reato»

 

 

Toscana, 4 decessi

In Toscana sono 274.304 i casi di positività al Coronavirus, 313 in più rispetto a ieri. L'età media dei nuovi casi è di 37 anni: 27% ha meno di 20 anni, 31% tra 20 e 39 anni, 26% tra 40 e 59 anni, 10% tra 60 e 79 anni, 6% ha 80 anni o più. Purtroppo si registrano altri 4 decessi - 3 uomini e una 1 con un'età media di 77,8 anni, residenti 2 in provincia di, 1 in quella di Livorno e 1 in quella di Arezzo - che portano il totale a 7.035 morti. In aumento i ricoveri: sono 452, 2 in più rispetto a ieri, di cui 56 in terapia intensiva, 2 in meno. Questi i dati diffusi dalla Regione. I guariti crescono dello 0,2% e raggiungono quota 256.481 (93,5% dei casi totali). Gli attualmente positivi sono oggi 10.788, -1,5% rispetto a ieri. Complessivamente, 10.336 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (166 in meno rispetto a ieri, meno 1,6%). Sono 12.387 (30 in meno rispetto a ieri, meno 0,2%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate. Riguardo alle singole province Firenze registra 60 casi in più rispetto a ieri, Prato 31, Pistoia 27, Massa Carrara 23, Lucca 19, Pisa 36, Livorno 31, Arezzo 16, Siena 44, Grosseto 26.

 

Covid, 4 donne incinte morte in Mississippi: è lo Stato con meno vaccinati d'America

 

Sardegna, ricoveri in aumento

Contagi in calo ma altri tre decessi e ricoveri in crescita nelle ultime 24 ore in Sardegna. I nuovi casi accertati di positività al Cvod sono in tutto 123 sulla base di 1.326 persone testate. Complessivamente, fra molecolari e antigenici, sono stati processati 1.862 tamponi. Il tasso di positività sale al 6,6 per cento. Le vittime sono un uomo di 64 anni e due donne di 83 e 98, tutti residenti nella provincia del Sud Sardegna. Cresce la pressione negli ospedali. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 28 (+1), quelli in area medica 235 (+4). Infine, sono 6.305 (-150) le persone attualmente in isolamento domiciliare.

 

Campania, 11 morti

Dati in chiaroscuro sul fronte Covid in Campania: nel bollettino di oggi cala l'incidenza nonostante il ridotto numero di tamponi domenicali, si allenta la pressione sugli ospedali ma per il secondo giorno consecutivo si contano 11 nuove vittime, di cui ben nove nelle ultime 48 ore e due risalenti ai giorni precedenti. I contagi censiti nel bollettino dell'Unità di crisi sono 192 su 10.248 test: l'incidenza è dell'1,87%, contro il 2,18 del giorno precedente. L'occupazione delle terapie intensive scende a quota 28 (-3), quella delle degenze a 351 (-18).

 

Emilia Romagna, 513 nuovi casi

Sono 513 i nuovi casi di positività al Coronavirus riscontrati in Emilia-Romagna nelle ultime 24 ore sulla base di 14.012 tamponi. Si contano ancora tre morti, si tratta di tre donne, di 89, 90 e 92 anni, della provincia di Ferrara. Dei nuovi positivi poco meno della metà (230) sono asintomatici, individuati grazie soprattutto al contact tracing e la loro età media è di 36,6 anni. Modena è la provincia con il maggior numero di contagi con 143 nuovi positivi. I casi attivi salgono a 15.658, il 97,1% dei quali in isolamento a casa, perché non necessitano di cure particolari. I ricoverati in terapia intensiva sono 49 (due in meno di ieri), mentre negli altri reparti Covid sono 410 (+19).

 

Calabria, 117 nuovi casi

Sono 117 i nuovi positivi al Covid-19 in Calabria per effetto del numero ridotto di tamponi effettuati nel fine settimana, 1.826 contro i 3.472 del giorno precedente, con il tasso di positività che scende così dal 7,6 al 6,41%. In realtà, il totale dei nuovi positivi di oggi è 121 ma l'incremento, è spiegato nel bollettino della Protezione civile regionale, risulta essere di 117 in quanto a seguito di un nuovo conteggio dei dati comunicati al Ministero della Salute, il totale dei casi confermati della settimana 30 agosto - 5 settembre è pari a 1.900 anziché 1.904. Quattro le vittime nelle ultime 24 ore con il totale che arriva a 1.337. In aumento (+2), per effetto del saldo tra dimissioni e nuovi ingressi, il numero dei ricoverati in area medica (178), mentre resta stabile a 13 quello dei ricoverati in terapia intensiva. I casi attivi sono 5.176 (-66), gli isolati a domicilio 4.985 (-68) ed i nuovi guariti 179. Ad oggi sono stati fatti 1.103.686 tamponi con 79.345 positivi. Territorialmente, da inizio pandemia, i casi positivi sono così distribuiti. Catanzaro: casi attivi 260 (18 in reparto, 3 in terapia intensiva, 239 in isolamento domiciliare); casi chiusi 10.785 (10.636 guariti, 149 deceduti). Cosenza: casi attivi 1.481 (45 in reparto, 3 in terapia intensiva, 1.433 in isolamento domiciliare); casi chiusi 24.404 (23.788 guariti, 616 deceduti). Crotone: casi attivi 338 (15 in reparto, 0 in terapia intensiva, 323 in isolamento domiciliare); casi chiusi 7.182 (7.074 guariti, 108 deceduti). Reggio Calabria: casi attivi 2.409 (89 in reparto, 7 in terapia intensiva, 2.313 in isolamento domiciliare); casi chiusi 25.205 (24.843 guariti, 362 deceduti). Vibo valentia: casi attivi 327 (9 in reparto, 0 in terapia intensiva, 318 in isolamento domiciliare); casi chiusi 5.879 (5.783 guariti, 96 deceduti).

 

Lombardia, 177 nuovi casi

Sono 177 i nuovi casi di Covid-19 in Lombardia, a fronte di 12.683 tamponi effettuati, di cui è risultato positivo l'1,3%. Nelle ultime 24 ore sono morte 3 persone, che portano a 33.936 il totale dei decessi nella regione da inizio pandemia. Sale a 375, 10 più di ieri, il numero dei ricoverati nei reparti Covid ordinari; mentre calano di 2 i pazienti in terapia intensiva, oggi 56. Quanto alle province, a Milano sono 75 i nuovi casi, di cui 38 nella città capoluogo. I contagi sono 35 in provincia di Brescia, 17 in quella di Mantova e 13 a Bergamo. Incremento a una cifra in tutte le altre province lombarde (Pavia +9, Como +5, Sondrio e Monza e Brianza +4, Varese e Lecco +3, Cremona e Lodi +1).

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 23:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA