Usano un termine maori per battezzare la propria birra. Ma significa "pelo pubico": costretti alle scuse

Sabato 8 Agosto 2020
I dirigenti della Hell's Basement Brewery, di Alberta, in Canada, credevano di avere trovato un nome molto azzeccato e trendy per la propria birra, quando scelsero il nome “Huruhuru” per la nuova pale ale, un paio di anni fa. Pensavano che, in lingua maori, significasse “piuma”. Poi, un conduttore tv maori, Te Hamua Nikora, ha svelato che il senso comune di quella parola era tutt’altro. E la fabbrica di birra si è vista costretta a cambiare il nome al proprio prodotto.

“Ci siamo resi conto che il significato comunemente noto della parola huruhuru non era quello che avevamo pensato. E un consulto con alcuni rappresentanti maori ci ha confermato che, nella loro lingua, indica il pelo pubico. E, ovviamente, ci fidiamo molto più di loro che dei dizionari online”, ha detto il manager Mike Patriquin alla tv canadese Cbc. “Ci scusiamo”; ha precisato Patriquin. “Vogliamo chiarire che non volevamo in alcun modo offendere la cultura o la popolazione maori in alcun modo, e ci spiace se abbiamo offeso i sentimenti di qualcuno”. A dirla tutta, Nikora non aveva preso di mira soltanto la fabbrica di birra canadese: c’è anche un negozio di articoli di pelle, in Nuova Zelanda, che usa proprio il nome Huruhuru per il proprio brand. “Usate la vostra lingua”, ha detto anche a loro, stizzito, il rappresentante maori. Ovviamente, anche il negozio neozelandese ha offerto le proprie scuse, e ha specificato di essere stato tratto in inganno dal significato del termine. Che, no, non significa proprio “lana”, o “piuma”, o “pelliccia".

Ultimo aggiornamento: 23:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA