Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Washington Post, bufera insulti: licenziata Felicia Sonmez, la giornalista che ha criticato colleghi e direttrice

Venerdì 10 Giugno 2022
Felicia Sonmez, licenziata la giornalista del Washington Post che ha criticato colleghi e la direttrice. Polemiche e insulti sui social

La sua battaglia interna al Washington Post è finita con un licenziamento. Felicia Sonmez, la giornalista che ha criticato aspramente i suoi colleghi e la leadership del giornale negli ultimi giorni, specialmente sui social, non potrà più lavorare nel prestigioso giornale americano. Il licenziamento, racconta la Cnn, arriva per «cattiva condotta che include insubordinazione, diffamazione dei colleghi online e violazione degli standard del Post sulla collegialità e inclusività del posto di lavoro». «Non possiamo permetterti di continuare a lavorare come giornalista in rappresentanza del Washington Post», conclude la lettera di licenziamento di cui la Cnn ha preso visione.

La storia

Sonmez è stata al centro di una battaglia all'interno del Washington Post iniziata venerdì scorso quando il giornalista David Weigel ha ritwittato una battuta sessista. Prima di lunedì, il Post aveva sospeso Weigel lasciandolo un mese senza stipendio. Ma il retweet, che Sonmez ha messo in luce per prima, ha poi di fatto sconvolto la vita all'interno della redazione del giornale.

Sonmez, che nel 2021 ha citato in giudizio il giornale per discriminazione (la causa è stata recentemente respinta e lei ha intenzione di ricorrere in appello), nell'ultima settimana è stata schietta su questioni legate all'iniquità in redazione. Nei suoi commenti pubblici, Sonmez era stata molto critica nei confronti della leadership del Post, inclusa la direttrice Sally Buzbee, insieme a molti dei suoi colleghi. Alcuni dei suoi colleghi sono andati su Twitter per chiedere a Sonmez di smettere di attaccare il Post sui social media. Jose A. Del Real, un giornalista, ha risposto sabato dicendo che il tweet di Weigel era «terribile e inaccettabile. Ma - ha aggiunto - unire internet per attaccarlo per un errore che ha commesso in realtà non risolve nulla». La giornalista ha risposto che «parlare di sessimo non è crudeltà ma una cosa assolutamente necessaria».

I problemi recenti in redazione

Buzbee ha tentato due volte di reprimere le lotte intestine pubbliche attraverso dichiarazioni, incluso un severo promemoria rilasciato ai dipendenti martedì. In quel memorandum, Buzbee ha delineato le regole che tutti i membri dello staff dovrebbero seguire. «Non tolleriamo che i colleghi attacchino i colleghi né faccia a faccia né online - ha scritto Buzbee -. Il rispetto per gli altri è fondamentale per qualsiasi società civile, inclusa la nostra redazione».

Poche ore dopo che Buzbee ha pubblicato il suo promemoria, Sonmez ha twittato uno screenshot che mostrava che era ancora bloccata su Twitter da Del Real. E ha ritwittato un altro utente deridendo alcuni dei suoi colleghi che si erano uniti per inviare tweet esprimendo orgoglio di lavorare al Post. La giornalista Lisa Rein ha scritto a Sonmez quella notte, scrivendo: «Per favore, fermati». Sonmez ha risposto e ha chiesto: «Hai idea della marea di abusi che sto affrontando in questo momento?». 

Fino a giovedì, Sonmez stava ancora twittando lunghi thread critici nei confronti del Post. Nel suo thread del giovedì, Sonmez ha suggerito che il Post era solo un buon posto di lavoro per coloro che sono bianchi e molto pagati. In una dichiarazione, il Washington Post ha affermato che la sua missione è «garantire parità di trattamento e protezione a tutti i dipendenti e elevare i membri mentre combattono per creare un luogo di lavoro giusto e inclusivo in cui i lavoratori possano prosperare».

Ultimo aggiornamento: 13:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA