Daniele Silvestri torna “live”
in tour tra le bellezze d'Italia

Daniele Silvestri
Daniele Silvestri torna live con l’OverTour, 10 tappe esclusive ideate come un vero e proprio itinerario di viaggio. L’agenzia di “viaggi (musicali) Silvestri”, come lui stesso l’ha definita sui suoi social, avrà come primo appuntamento quello di domani in Sardegna, a Riola Sardo (Or) e poi attraverserà tutta l’Italia tra suggestive location. Dopo il successo della data speciale a Rock in Roma, dove in oltre 8.000 hanno applaudito l’artista sul palco di Capannelle, e dopo il trionfo in trio con Carmen Consoli e Max Gazzè al Collisioni Festival con oltre 20.000 persone nei due appuntamenti a Barolo, Daniele torna on stage con la sua band. Il nome del tour è stato ideato dallo stesso Silvestri giocando con le parole, come succede di frequente nei testi delle sue canzoni. «OverTour, così l’abbiamo chiamato - giocando appena appena con le parole, che non guasta mai. Perché sarà un Tour “Over”, cioè “oltre”... e anche un pò “sopra”».  Sarà la bellezza dei paesaggi naturali e la preziosità dei contesti storico-architettonici a fare da fondale alla scena.
 
 



L’OverTour (prodotto da OTRlive) farà, infatti, tappa in teatri storici all’aperto, ciascuno con una propria identità architettonica, storica, artistica o paesaggistica. Si passa dal Teatro dei Suoni di Riola Sardo - un’ampia cava dismessa di pietra arenaria, con resti risalenti al neolitico-, al Teatro Antico di Taormina - scavato nella roccia, con il Mar Ionio e l’Etna a fare da sfondo; dal Teatro di Verdura a Palermo - nel giardino di una villa presso il Parco della Favorita-, all’Anfiteatro dei Ruderi a Cirella di Diamante: un complesso dell’antica Magna Grecia collocato tra un Monastero del XVI secolo e il mare con i ruderi dell’antico porto, la cirella appunto; dall’Anfiteatro Romano di Lecce - suggestiva arena nel cuore di Lecce, nella centralissima piazza Sant’Oronzo, al Teatro Romano di Fiesole; fino al Verucchio Festival, che si svolge sul Sagrato della Chiesa della Collegiata alla Rocca Malatestiana: una corte aperta che sfocia in un ampio spalto poggiato tra uno strapiombo sul paese e i pendii collinari volti alla Valmarecchia.
Venerdì 21 Luglio 2017, 20:28 - Ultimo aggiornamento: 22-07-2017 10:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP