Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Piero Angela morto, Licia Colò: «Era il modello di chi fa scienza in televisione, come la Carrà per lo spettacolo»

Sabato 13 Agosto 2022 di Ilaria Ravarino
Piero Angela morto, Licia Colò: «Era il modello di chi fa scienza in televisione, come la Carrà per lo spettacolo»

Sorpresa dalla notizia mentre si trova in Val di Non, in Trentino, pochi giorni prima di partire per lavoro con la troupe per i ghiacciai svizzeri («Sperando di trovarli ancora, visti i tempi»), la divulgatrice veneta Licia Colò, 60 anni, si unisce al cordoglio della comunità televisiva e scientifica per la scomparsa di Piero Angela

Conduttrice di Eden - Un pianeta da salvare su La7, e volto storico di programmi Rai di natura e viaggi tra gli anni Novanta e la prima decade dei 2000 (Alle falde del Kilimangiaro, Geo & Geo), Colò ha sempre guardato ad Angela come un modello, per talento e longevità professionale. 

Come vive la scomparsa di Angela? 

«Come tutti, con grande dolore. Piero è, e non riesco ancora a dire “era”, il più grande rappresentante della divulgazione scientifica e culturale in Italia. Un’icona, un modello inarrivabile. Esattamente quello che fu Raffaella Carrà nell’ambito dello spettacolo televisivo, lui lo fu per la scienza sul piccolo schermo».

Vi siete mai incrociati?

«Tante volte, soprattutto ai tempi di Geo & Geo, quando lavoravo per Rai3. E poi ci incontravamo spesso agli eventi. Da un po’ di tempo, naturalmente, lui si faceva vedere di meno in giro. Del resto Angela non aveva certo bisogno di farsi vedere: per tutti era un grande, un mito, una personalità della migliore televisione italiana».

Quali sono state le sue più grandi qualità?

«Aveva un grandissimo talento nella divulgazione scientifica e culturale, ma dirlo suona scontato. Lo sappiamo tutti. Per quanto mi riguarda, l’ho sempre visto anche come un maestro di eleganza e di stile. Un conduttore, un giornalista, uno scienziato che non si è mai trasformato nel tempo». 

Che intende dire? 

«Intendo che in tanti, in televisione, hanno cercato di inseguire le mode, i cambiamenti, di trasformarsi in un modo o nell’altro per conquistare il pubblico delle nuove generazioni».

E lui, invece? 

«Angela non ne ha mai avuto bisogno, perché è sempre rimasto fedele a se stesso, al suo stile, al suo modo di intendere la comunicazione. E io credo che dovremmo tutti prendere spunto ed esempio dal suo atteggiamento. Non averlo più con noi è davvero una grande perdita».

Avrebbe dovuto fermarsi prima? 

«Purtroppo, quando si supera una certa età, non è facile continuare. Ma lui ha lavorato fino all’ultimo momento: fino a due giorni fa era in studio, a fare il suo lavoro, la professione che amava. Fermarsi prima? No, anzi. Credo che sia stato molto fortunato a poter continuare come voleva, facendo ciò che sapeva fare meglio di tutti, sino alla fine».

 

Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 10:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA