Il Coni Campania celebra
i suoi campioni al Maschio Angioino

Domenica 21 Novembre 2021 di Diego Scarpitti
Sergio Roncelli

Il Coni celebra i suoi campioni al Maschio Angioino. Giovedì 2 dicembre, nel rispetto delle misure anti-Covid, il presidente Sergio Roncelli premierà nella Sala dei Baroni i medagliati di Tokyo 2020, Luca Curatoli (argento nella sciabola a squadre), i canottieri Marco Di Costanzo, Matteo Castaldo e Giuseppe Vicino (bronzo nel 4 senza), e la boxeur di Torre Annunziata, Irma Testa (storico bronzo nei pesi piuma), e consegnerà, insieme ad Agostino Felsani, delegato provinciale Coni Napoli, le Stelle al merito sportivo, le Palme al merito tecnico, le Medaglie al valore atletico. Si ricordano i risultati sportivi del 2019, ormai considerato come l’anno del successo internazionale delle Universiadi a Napoli e in Campania.

Lungo l’elenco dei premiati:

Stelle al merito sportivo 2019

Oro a Salvatore Colonna, Paolo Gisonni, giocatore dell’Amatori Napoli Rugby, distintosi con i suoi compagni durante la pandemia, Gennaro Manzo, il compianto giornalista Rosario Mazzitelli, responsabile della comunicazione della Canottieri Napoli, della Federnuoto regionale e vicepresidente Ussi Campania, dottor Roberto Parrella, direttore Dipartimento Malattie infettive ed urgenze infettivologiche del Cotugno, monsignore Adolfo Russo;

Argento a Massimo Costa, Raffaele De Salsi, Giuseppe Esposito, presidente della Cesport, Vincenzo Montrone, Marco Piscopo, Arturo Varriale, Aniello Zito;

Bronzo a Vincenzo Conte, Giovanni Melillo, Carlo Fulvio Palumbo, Raffaele Rotondo, Francesco Schillirò, Lucio Stella, Giovanni Tomo.  

Argento alle società: Sci Club Napoli, Polisportiva Sporting Club Ercolano, Pattinatori Orsa Maggiore.

Palme al merito tecnico

Argento a Rodolfo Vastolabronzo a Giuseppe Balzano, Pacifico Laezza, Pasquale Stanzione.

Medaglie d’oro al valore atletico

Giuseppe Di Mare e Raffaele Serio (canottaggio), Lars Borgstrom (vela).

Medaglie d’argento al valore atletico

Domenica Angelino e Francesco Iaconangelo (kickboxing), Biagio Morra (pesca sportiva e attività subacquee), Irma Testa e Francesca Amato (entrambe campionesse europee nel pugilato).

Medaglie di bronzo al valore atletico

Alessandro Sibilio (atletica leggera), protagonista in pista alle Olimpiadi di Tokyo e già campione italiano e d’Europa; Francesca Piscitelli e Angela De Biasio (bridge); Giuseppe Perrotti e Andrea Silvio Costagliola (canoa kayak); Luca Annibale, Salvatore Monfrecola, Maria Letizia Sibillo, Nunzio Di Colandrea, Camilla Infante, Fabio Infimo, Andrea Maestrale (canottaggio); Laura Casale, Rita Trombetta, Valentina Landri (handball); Biagio Nettore (karate), Assunta Scutto, Vincenzo Succoia, Gianluca Talamo, Giuseppe Tesoro, Alessia Capozzi, Nicolle D’Isanto, Salvatore Diana, Martina Esposito (judo), Emanuela Liuzzi, Patrizia Liuzzi (lotta); Maurizio Bottalico (motociclismo); Biagio Capuano, Antonio Friscuolo, Stefano Genova, Christian Spatola, Massimiliano Testa (motonautica); Vito Guzzetta, Carmine Elia, Gianpiero Liguori, Antonio Panico, Gabriele Varrella; Roberto Mangiapia (pesistica); Assunta Canfora (pugilato); Gabriele Caulo e Alfredo Talotti (taekwondo); Federica Sacco (tennis); Giuseppe Fonti (tiro con l’arco).

© RIPRODUZIONE RISERVATA