Irene Cozzolino trionfa alla Primavela
Monte di Procida circolo di Campioni

Irene Cozzolino
Irene Cozzolino
di Gianluca Agata
Venerdì 2 Settembre 2022, 11:37
4 Minuti di Lettura

Circolo Nautico Monte di Procida, scuola di campioni. L'ultima in ordine di tempo, nata dalla guida tecnica di Antonio Russo è Irene Cozzolino, dodici anni, seconda media, e tanta voglia di andar per mare. Ha cominciato a sette con la scuola velica, poi le prime zonali ed il trampolino con il terzo posto ai mondiali di O'pen Skiff Under 12 a Bordeaux. L'ultima soddisfazione alla coppa del Presidente ai giovanili di Salerno. Il mare nel dna. Il nonno ed il papà a trasmetterglielo, lei a plasmarlo interpretando il vento e facendo correre il suo O'pen Skiff. Alla sua voce affidato anche il giuramento degli atleti di Salerno.«E' stata una emozione grandissima - dice - da quando ho cominciato a fare vela non mi sono più fermata. Non scenderei mai dalla barca». La prima volta fuori da Monte di Procida senza la famiglia a Ostia per la Primavela 2021, la prima volta fuori dall'Italia in Francia per il terzo posto del Mondiale. La scuola a sostenere il suo sogno: «Ogni volta che torno da una regata complimenti e applausi» anche se fa qualche assenza in più. «Il sogno? Portare una medaglia olimpica o mondiale al mio circolo, a Monte di Procida. E fare il giro del mondo in barca». Determinazione vincente. In quel piccolo enclave che la piccola campionessa di Bacoli sta contribuendo a rendere una scuola di campioni. Nel 2003 si chiamava Delfini ed era una associazione che si occupava della pulizia dei mari. Nel 2006 è diventata Circolo Nautico Monte di Procida. Poca esperienza, pochi mezzi ma al centro del progetto i bambini. Dal corso di vela alla scuola di vela. Il passo porta la firma di Alessandro Scotto, comandante illuminato che sceso dalla nave capisce che il futuro sono i bambini e la passione per il mare: «macché motorini o playstation. Dico ai genitori, fate frequentare il circolo ai ragazzini, si innamoreranno del mare e non lo lasceranno di più». Irene, ma anche gli altri parlano di termiche, proteste, vele, venti, canali, come se fossero giocattoli. «La mia migliore amica - aggiunge Irene - è della Lega Navale. A scuola in qualsiasi momento possibile chiacchieriamo della nostra passione». Un circolo che si basa sulla forza di un poker di persone. Alessandro Scotto e poi il presidente Pasquale Scotto, il vicepresidente Mimmo Mattera, il tesoriere Biagio Mattera. E la forza dei Montesi negli States, su tutti Anthony Scotto e Aldo Lamberti. Già, perché la comunità montese degli Usa è tra le più forti e vicine ai loro luoghi di origine. «Con loro aggiunge Alessandro Scotto - pianifichiamo ogni attività del circolo, dall'acquisto di una barca, al'organizzazione di una trasferta, al sentiero da far percorrere ad un bambino». Artefice di questo boom agonistico Antonio Russo, già Torre del Greco, Posillipo, Mascalzone latino. E' arrivato nel 2017, oggi la squadra del circolo ha una ventina di ragazzini che vanno fortissimo. Manuel De Felice e Alessia Tiano hanno vinto il mondiale O'pen Skiff nel 2021, ma i titoli italiani, europei, le medaglie internazionali non si contano.  «Irene? E' un po' leader un po' mamma che ha avuto il primo confronto internazionale al Mondiale O'pen Skiff in Francia dove ha conquistato il terzo posto. Alla sua età il confronto in regata con i più grandi può dare un po' di apprensione ma in lei non si è assolutamente visto. Anzi trascorso il periodo del primo gruppo che ha portato ragazzi come Manuel De Felice e Alessia Tiano a vincere il titolo mondiale nel 2020 in classe O'Pen Skiff, ha preso un po' in mano le redini del gruppo». «Siamo un gruppo coeso che cresce insieme e si carica l'un l'altro. All'inizio erano tutti ragzzi flegrei, ora arrivano anche da Napoli». Con lui anche l'allenatrice Camilla Gizzi, già sua allieva in passato.  O'pen skiff, laser e in futuro "una barca d'altura" chiosa scotto "per chiudere il cerchio".  E per Irene ora regate all'Argentario e Ostia per la chiusura di stagione. E il futuro chissa, a cinque cerchi o nelle acque dell'oceano. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA