Le celebrazioni dei 150 anni
di Federginnastica a Napoli

Mercoledì 4 Dicembre 2019 di Diego Scarpitti
Sergio Mattarella

La Federginnastica conclude le celebrazioni dei suoi 150 anni a Napoli. Dalle Universiadi 2019 alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Dopo la tappa alla Fenice di Venezia e la targa scoperta dove nacque nel 1869 la Federazione Ginnastica, i Fori Imperiali di Roma, il Grand Prix al PalaLido di Milano, il Comegym di Cagliari, la visita al Capo dello Stato, Sergio Mattarella, con il presidente del Coni, Giovanni Malagò, e a Papa Francesco con Vanessa Ferrari, Emanuela Maccarani e le Farfalle, dopo l’emissione del francobollo di Poste Italiane, disegnato da Lorenza Pentrella e l’annullo filatelico eseguito da Gianfranco Marzolla, il presidente della FGI, Gherardo Tecchi, riunirà all’ombra del Vesuvio gli stati generali, il Consiglio Direttivo Federale con i direttori tecnici nazionali di sezione e la Consulta nazionale dei presidenti e delegati regionali.
 

 

Venerdì 6 dicembre (ore 13) all’Hotel Esedra si affronterà la programmazione dell’attività 2020, compresa la partecipazione olimpica dell’artistica (maschile e femminile) e della ginnastica ritmica.

Sabato 7 dicembre (ore 10) prevista la visita alla palestra Virtus Partenopea, nata nel 1866, prima ancora della Federazione Ginnastica e del Coni, ubicata nel complesso monumentale di San Domenico Maggiore, introdotta dal presidente del sodalizio Vito Eugenio Leonardi. Occasione, inoltre, per apprezzare e conoscere un museo sportivo vivente, dove ancora oggi, si continuano a praticare ginnastica artistica ed altre discipline. Nella adiacente biblioteca di San Tommaso d’Aquino, risalente al 1200, sarà illustrato il libro celebrativo dei 150 anni «Dalle radici al futuro», curato dalla giornalista Ilaria Leccardi.
 
Seguirà un breve report sull’Universiade di Ginnastica Napoli 2019 ad opera del NSF Technical Delegate FGI Rosario Pitton, vicepresidente della Federazione. Una straordinaria esperienza umana, prima ancora che sportiva con la conquista storica del nostro Paese di ben 4 medaglie, una d’oro, due d’argento ed una di bronzo, in una città che ha saputo dare prova di grande affidabilità, dando il meglio di sé proprio nei momenti più difficili e quando erano in pochi a crederci. Sfida vinta a livello internazionale con attestati di pubblica stima e non solo.
 
I transfer avverranno tramite la Polizia di Stato, Gruppo Sportivo Fiamme Oro, grazie alla sinergia resa possibile dal dirigente superiore Francesco Montini e dal direttore tecnico Luca Piscopo.
 
Sabato alle ore 19, al teatro Mediterraneo nella Mostra d’Oltremare, la premiazione degli atleti campani che hanno vestito la maglia azzurra in competizioni internazionali, dei tecnici e dei dirigenti che si sono particolarmente distinti nella promozione e diffusione della ginnastica, dando lustro al territorio. Infine l’esibizione di atleti campani e provenienti da altre regioni d’Italia. A fare gli onori di casa sarà Aldo Castaldo, presidente del comitato regionale Campania della Federazione.              
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA