Juve Caserta ko contro Udine
ed esplode il caso Swaan

Domenica 19 Gennaio 2020 di Stefano Prestisimone
Ancora uno stop per la Juve Caserta. Dopo il ko di sette giorni fa, i bianconeri escono ancora una volta sconfitta dal PalaMaggiò dove nel finale Udine porta a casa una vittoria molto importante. 65-69 il finale. Nelle battute conclusive del match decisivo un fallo di sfondamento di Giuri e un canestro di Antonutti. Decisivo l'allungo degli ospiti nell'ultimo quarto, con doppia cifra di vantaggio sul 64-53. Il quinto fallo di Beverly permette alla Juve di riavvicinarsi, i padroni di casa assottigliano sempre di più lo svantaggio fino al -3 sul 66-63. Ma Antonutti realizza un canestro prezioso quando mancano 8” alla sirena finale e Udine vince per 69-65. I bianconeri di coach Gentile si allontanano così dalla zona playoff e entrano in una crisetta dalla quale si spera possano uscire presto.



Intanto c'è un caso Swaan, La storia è partita attraverso un post su Facebook della moglie di Isaiah Swann, il giocatore infortunatosi ad agosto e sostituito da Allen. La donna accusa il club di aver violato i rapporti contrattuali. «Ad agosto 2019 – scrive Laci Swaan – mio marito si è rotto il crociato durante un allenamento quindi sul lavoro.  Prima di firmare, Isaiah era titubante su l’idea di giocare per questa squadra causa dell’orribile reputazione della società stessa. Caserta non ha pagato lo stipendio di Isaiah ad agosto 2019. Ci hanno minacciato, hanno violato il contratto in decine di modi diversi. Abbiamo provato a raggiungere un accordo amichevole che loro non hanno preso sul serio».

Questa la risposta del club: «In merito ad alcuni post inseriti su social network da Laci Swann, lo Sporting Club Juvecaserta, nel contestare le affermazioni della stessa, precisa di aver dato mandato ai propri legali di valutare ogni azione atta a difendere il nome ed il prestigio del club da affermazioni che ritiene false e calunniose. Tanto è già stato comunicato al procuratore del giocatore con cui è da tempo in corso una trattativa per la definizione della questione». © RIPRODUZIONE RISERVATA