Mondiali 2022 verso Amazon Prime
e Rai con un'offerta da 180 milioni

Giovedì 18 Febbraio 2021
Mondiali 2022 di calcio verso Amazon Prime e Rai (oltre 180milioni l'offerta)

Amazon Prime Video e Rai, sono loro i "giocatori" in finale nella partita per aggiudicarsi i diritti audiovisivi per il territorio italiano dei Mondiali di calcio del 2022 in Qatar. Le due aziende televisive hanno messo sul tavolo complessivamente oltre 180 milioni di euro.

Viale Mazzini è vicina a ottenere il pacchetto 'B1' messo a gara dalla Fifa: 28 partite, con diritto di prima scelta, comprensive di semifinali e finalissima. La proposta economica, dicono gli addetti ai lavori, si aggira sui 135 milioni di euro.

Thales Alenia Space sfida Musk e Bezos: contratto record da 3 miliardi di dollari per costruire flotta di 300 satelliti per Telesat

Netflix trova casa a Roma: la sede a Villino Rattazzi nel cuore della Dolce Vita

Amazon Prime Video invece ha puntato sul pacchetto «complementare» a quello di Rai, cioè il 'B2': 39 partite, cioè le 36 rimanenti rispetto a quelle scelte dalla tv pubblica, più le semifinali e la finalissima. Quindi le tre gare decisive per l'assegnazione del titolo saranno in co-esclusiva tra i due operatori. L'offerta economica di Prime Video sarebbe di circa 50 milioni di euro.

Se Fifa procederà con l'assegnazione delle licenze sulla base di queste due offerte - la decisione ufficiale potrebbe già arrivare la prossima settimana - i diritti italiani della Coppa del mondo 2022 frutteranno alla Federazione del calcio oltre 180 milioni di euro, una cifra leggermente superiore a quanto avvenuto nel 2014.

La vendita delle licenze 2018 invece non può essere ritenuta comparabile in quanto l'edizione russa dei Mondiali non ha visto la partecipazione della Nazionale italiana. Va ricordato comunque che gli Azzurri devono comunque ancora conquistare la qualificazione per Qatar 2022: le partite eliminatorie per accedere alla fase finale inizieranno in primavera e vedranno l'Italia contrapposta a Svizzera, Irlanda del Nord, Bulgaria e Lituania.

Ultimo aggiornamento: 17:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA