Schalke, squadra aggredita dai tifosi
dopo la storica retrocessione in B

Venerdì 23 Aprile 2021
Schalke, squadra aggredita dai tifosi dopo la retrocessione. Il club: «Giocatori decideranno se scendere in campo»

Alcuni giocatori dello Schalke 04 sono stati aggrediti dopo il match di martedì con l'Arminia Bielefeld. Match che è stato perso per 1-0 in casa, e che ha decretato la retrocessione - storica, perché per la prima volta in 30 anni - del club tedesco. E la reazione dei tifosi, a quanto pare, non si è fatta attendere: da questo momento i giocatori dello Schalke potranno decidere da soli se giocare le partite rimanenti in Bundesliga, dopo che giocatori e funzionari sono stati minacciati e insultati.

Serie A-resto d’Europa, quando la differenza (non solo tecnica) diventa un abisso

 

«Posso vivere con questa posizione se un giocatore non vuole giocare per lo Schalke nelle restanti quattro partite», ha detto il membro del consiglio di amministrazione Peter Knaebel a Bild spiegando che i dirigenti stanno tenendo colloqui individuali con i giocatori e stanno offrendo aiuto.

Bundesliga, tutti in quarantena dal 3 maggio. L'obiettivo è salvare la stagione

L'aggressione

La squadra è stata insultata e attaccata fisicamente da alcuni tifosi, quando sono tornati dopo la sconfitta per 1-0 di martedì in casa dell'Arminia Bielefeld, che ha segnato la quarta retrocessione nella storia del club. La polizia ha parlato di «massiccia aggressione» e sta indagando sull'incidente. Lo Schalke non ha partite in programma per questo fine settimana, dal momento che la partita contro l'Hertha Berlino è stata rinviata a causa della quarantena della squadra legata al coronavirus dell'Hertha.

 

Ultimo aggiornamento: 21:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA