«Basta discriminazioni nello sport»,
approvata la carta per la parità

Sabato 23 Gennaio 2021 di Simona Verrazzo
«Basta discriminazioni nello sport», approvata la carta per la parità

Bologna, modello di parità. Prima città italiana ad approvare la Carta dei valori per lo sport femminile: una rivoluzione nell’approccio all’attività sportiva da parte delle istituzioni e delle associazioni, che punta a promuovere e difendere la parità di genere nel settore. La Giunta comunale ha dato il via libera al testo, composto da 14 articoli, che si pone come obiettivi la pari accessibilità a tutti gli sport sin dall’infanzia senza stereotipi di genere, la promozione dello sport femminile, il contrasto a qualsiasi forma di discriminazione, di disagio e di violenza nelle attività sportive. L’articolo 3 ricorda come «le bambine possono e devono poter scegliere: ogni sport va bene per le bambine, ogni bambina è perfetta per lo sport che ama», mentre l’articolo 13 cita il Comune di Bologna, il cui compito è «promuovere l’adozione della presente Carta e la sua applicazione, in tutto il territorio metropolitano e a proporla alla Regione Emilia-Romagna». Il percorso della carta è iniziato il 17 dicembre 2019, quando Bologna ha ospitato l’evento “Sport Femminile: valore sociale e inclusione. Proposte, esperienze e testimonianze”, organizzato dal Comune assieme ad Assist (Associazione Nazionale Atlete), grazie alla quale viene presentato il testo appena approvato. Inizia così un dialogo con le istituzioni che vede impegnati l’assessore allo Sport, Matteo Lepore, e la responsabile delle Pari opportunità, Susanna Zaccaria. «Oggi è una giornata importante – racconta Luisa Rizzitelli, presidente di Assist – che dimostra come sia possibile avviare un dialogo costruttivo tra diverse realtà». Rizzitelli ricorda come, presentando la carta, Assist abbia trovato un’immediata risposta positiva da parte del Comune, anche al livello delle commissioni coinvolte, guidate da due donne: Roberta Li Calzi (Pari opportunità) e Maria Caterina Manca (Sanità, politiche sociali, sport, politiche abitative). La Carta dei valori punta a fare da apripista per altri comuni.

Le trenta campionesse ribelli che hanno rivoluzionato lo sport

 

IL TRAGUARDO

«È uno strumento importante – prosegue Rizzitelli – un momento di condivisione tra istituzioni e associazioni, che ci ricorda quanto lo sport sia un aspetto determinante per il benessere psico-fisico». Per Assist è un sogno che si corona, dopo un’attività ventennale in difesa dello sport femminile e al fianco delle atlete di tutte le età, contro ogni discriminazione. Fondatrice, oltre che presidente, è Luisa Rizzitelli, inserita da Forbes Italy tra le “100 donne di successo” per l’anno 2020. La carta approvata da Bologna è una delle tante battaglie che Assist porta avanti, tra cui spiccano il riconoscimento dell’attività professionistica femminile, la maternità delle sportive, i salari delle Nazionali rosa e i montepremi uguali per le giocatrici nei campionati nazionali. 

Ultimo aggiornamento: 10:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA