Simona Quadarella, la romana regina d'Europa cede il passo alle nuotatrici Usa nella finale dei 1.500

Mercoledì 28 Luglio 2021 di Gianluca Cordella
Simona Quadarella, la romana regina d'Europa cede il passo alle nuotatrici Usa nella finale dei 1.500

dal nostro inviato

 

TOKYO - Ci eravamo abituati troppo bene. Quel tris d’oro agli Europei certificava la superiorità schiacciante di Simona Quadarella a livello continentale, ma quando in acqua entrano americane e asiatiche la concorrenza diventa spietata. Insostenibile se non sei al top della forma. E la romana, così, non va oltre il quinto posto nella finale dei 1500 metri, dominati da Katie Ledecky, che si riscatta poco dopo aver fatto cilecca sui 200, dov’è rimasta fuori dal podio.

 

Federica Pellegrini: «È stato un bel viaggio, me la sono goduta». E si commuove

 

Simona chiude la gara in 15’53”97 che non è un tempo disastroso, intendiamoci. Per mettersi al collo l’oro europeo di Budapest le era bastato un 15’53”59, quasi in linea. Ma quando a Gwangju vinse l’oro mondiale lo fece in 15’40”59. Tutta un’altra musica. Ci sarà la chance per rifarsi sugli 800. Da Ottavia all’Aniene, dove raccoglierà il testimone ideale di primo violino del nuoto azzurro dopo che Federica Pellegrini avrà detto basta, Simona ha portato lo sport romano sul tetto del mondo.

 

 

 

Chi è Simona Quadarella

“Gnappez” come la chiamavo alla Delta, la piscina in cui ha cominciato a nuotare, si è poi trasformata in “Veleno”, un altro dei sui soprannomi, più calzante al personaggio, specie per quello che riesce a fare in acqua. Simona si divide tra piscina (nuota 14 chilometri a settimana), palestra e libri: è iscritta a Economia alla Link University. E’ tifosissima della Roma, che ha sempre avuto un rapporto molto diretto con lei, invitandola a Trigoria dopo le sue vittorie e regolandole maglie personalizzate. L’idolo, nemmeno a dirsi, Francesco Totti.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 07:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA