Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cybercrime: balzo delle minacce
via e-mail, aumentate del 101%

Lunedì 18 Luglio 2022 di Guglielmo Sbano
Cybercrime: balzo delle minacce via e-mail, aumentate del 101%

Un recente studio ha evidenziato come nel corso del 2021, le minacce informatiche veicolate attraverso le e-mail, siano state 33,6 milioni, con una percentuale di aumento del 101% rispetto all’anno precedente. 

Il dato è emerso dal “Cloud App Security Threat Report 2021” redatto da Trend Micro, società leader nel campo della sicurezza informatica, e dimostra come la posta elettronica rimanga uno dei punti di accesso principali per gli attacchi informatici.

«Ogni anno assistiamo a mutazioni nel panorama delle minacce cyber e a una estensione della superficie di attacco aziendale, ma la posta elettronica rimane sempre uno dei principali target di attacco», ha affermato Alessandro Fontana, Head of Sales di Trend Micro Italia. «La migliore difesa è adottare un approccio basato su piattaforma, per affrontare le minacce attraverso sistemi di prevenzione, rilevamento e risposta semplificati e nativamente connessi tra loro». 

I dati presentati, sono stati raccolti nel corso del 2021 attraverso prodotti che integrano la protezione automatizzata nelle piattaforme di collaborazione come Microsoft 365 e Google Workspace.

Alcuni numeri chiave: 

  • 16,5 milioni di attacchi phishing rilevati e bloccati, per un aumento del 138%, in gran parte legato al fatto che le modalità di lavoro ibride continuano a essere un punto debole per la sicurezza;
  • 6,3 milioni di attacchi phishing alle credenziali, per un aumento del 15%. Il phishing rimane uno dei principali mezzi di compromissione;
  • 3,3 milioni di file dannosi rilevati, numero che comprende un aumento del 134% delle minacce note e del 221% del malware sconosciuto.

Per quanto riguarda invece i dati positivi, i rilevamenti di ransomware sembrano in diminuzione anno su anno. Questo potrebbe essere dovuto al fatto che gli attacchi stanno diventando sempre più mirati, ma anche al successo di diverse operazioni di massa, condotte dalla stessa Trend Micro, che hanno bloccato strumenti ransomware come “Trickbot” e “BazarLoader”.

Anche le generiche truffe Business E-mail Compromise (BEC) sono diminuite dell'11%, ma se si effettuano controlli sofisticati come gli algoritmi di analisi dello stile di scrittura, si scopre in realtà un aumento dell'83%. Il dato indica che queste truffe stanno diventando sempre più elaborate e complesse da bloccare.

Ultimo aggiornamento: 21 Luglio, 09:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA