La Shoah diventa un gioco su TikTok: ecco l'ultima terribile tendenza dei giovanissimi

Mercoledì 16 Settembre 2020 di Alessia Strinati

Giocare alla Shoah. Questa è l'ultima tendenza dei giovani su TikTok. Scavati in viso, truccati, con piagiami a righe e stelle di Davide, decine di ragazzi stanno condividendo video in cui fingono di essere ebrei deportati in campi di concentramento.

Leggi anche > TikTok, la folle sfida del Benadryl challenge: morta una quindicenne

«Un giorno portarono me e la mia famiglia in un posto strano. Iniziarono a darci delle divise. Eravamo costretti a lavorare e ci davano poco cibo. Un giorno ci constrinsero ad entrare in una doccia e...». Sono queste le parole che recitano prima di postare le immagini con gli hashtag #holocaust, che conta oggi 18.2M visualizzazioni, la pagina italiana #olocausto circa 100mila, #shoah 780mila. Una vera e propria moda che ha spinto TikTok a disattivare l’hashtag #HolocaustChallenge. 

Ma cosa ha scatenato tutto questo? Primo tra tutti, secondo alcuni psicanalisti, la voglia dei ragazzi della generazione nata tra la fine degli anni 90 e il primo decennio del 2000, di mettersi in mostra, di attirare l'attenzione e di avere consenso. Ma molti giovani hanno spiegato di essere stati colpiti dalla storia, pur non capendo che riportando alcuni episodi con pochi secondi di video da postare sui social più che ricordo è ridicolizzazzione di una tragedia umanitaria storica.

Molti esponenti della comunità ebraica si sono detti offesi da questa ridicolizzazione del dolore, sottolineando come spesso la shoah sia passata dall'essere negata ad essere banalizzata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA