Il sangue di San Gennaro si è sciolto alle 10,11. Sepe annuncia la visita del Papa il 21 marzo

ARTICOLI CORRELATI
di Chiara Graziani e Luigi Roano

12






Ore 10,11 il miracolo si è compiuto, il sangue del patrono di Napoli si è sciolto nell'ampolla. Un applauso e un mare di fazzoletti sventolati dai fedeli ha accolto la notizia in una cattedrale stracolma.







«San Gennaro è vivo nel suo sangue. E ama Napoli» ha detto il cardinale Crescenzio Sepe nel mostrare l'ampolla col sangue sciolto. Ed ha aggiunto: «Presto sarà dato un annuncio che farà tremare la cattedrale ha detto Sepe» preannunciando, una visita del Papa.



Quando il cardinale ha preso la teca contenente il sangue del santo patrono ha già trovato il sangue (che prima era grumoso) già sciolto in un fluido rosso.



Alla fine della cerimonia, come promesso all'inizio, Sepe ha svelato il mistero. Il cardinale, infatti, tra l'applauso dei fedeli ha rivelato che il primo giorno della primavera 2015 sarà un evento eccezionale per la città: papa Francesco infatti sarà a Napoli, sabato 21 marzo. Annunciato anche il suo programma: innanizitutto pranzerà con i carcerati di Poggioreale. Poi incontrerà i malati e visiterà una delle periferie della città.



Durante tutta la cerimonia in prima fila, in una cattedrale gremita, c'erano seduti accanto al sindaco De Magistris tra gli altri anche Maurizio Maddaloni, presidente della Camera di Commercio e Aurelio De Laurentis, che è stato molto applaudito dai presenti.



Attraverso il web il cardinale Sepe ha salutato i fedeli più lontani rivolgendo loro alcune parole pronunciate nella loro lingua d'origine e cioè in inglese, tedesco e castigliano.



«A Napoli c'è fame di Dio» ha detto l'arcivescovo Crescenzio Sepe, durante l'omelia. «C'è fame

di pane e di giustizia, speranza e futuro», ha proseguito l'arcivescovo, ricordando che «c'è anche fame di lavoro, legalità e progettualità».



«Di fronte alle tante tragedie dell'umanità, di fronte alle sofferenze di tanti nostri fratelli, di fronte alle vite spezzate di tanti giovani e al drammatico dolore delle loro famiglie misuriamo, anche con maggiore equilibrio, le responsabilità e gli impegni che a noi

vengono richiesti». È l'appello lanciato poi da Sepe.
Venerdì 19 Settembre 2014, 08:31


COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2014-09-19 16:48:00
negli Ospedali Pediatici ci sono centinaia di bambini malati terminali. I bambini sono anime innocenti pure e senza peccato, chi più di loro merita un miracolo ?? E invece San Gennaro cosa fa' ??? Fa' il miracolo e scioglie il suo sangue. Adesso dico io: San Gennaro se proprio vuoi fare un miracolo e meglio che sciogli il tuo sangue oppure che salvi queste anime innocenti che stanno morendo ????? Non aggiungo altro.
2014-09-19 17:54:00
sarei curioso di sapere quante grazie chieste dai fedeli sono state esaudite dall'onnipotente San Gennaro.
2014-09-19 18:41:00
...la finiamo.... ..con queste pagliacciate...nel 2014........ Perfino il Vaticano, da tempo, ne ha preso le distanze...... Basta!!!!!!
2014-09-19 19:23:00
Anno domini MMXIV E la chiesa fa ancora i giochetti da alchimista, per pigliar per c...., la gente povera di mente e portafoglio. E guarda quanti che ci credono, a sti giochetti da circo.
2014-09-19 20:11:00
E i giornali non virgolettano Continuate a chiamarlo miracolo invece di "miracolo" come se non si sapesse che la scienza ha risolto già da anni il mistero. La stampa ha interesse a mantenere i napoletani nel terzo mondo evidentemente.

QUICKMAP