CORONAVIRUS

Coronavirus, un positivo su Facebook: «Fatevi il test se siete stati in queste discoteche». E il sindaco le chiude tutte

Giovedì 13 Agosto 2020 di Silvia Natella
Coronavirus, l'appello di un ragazzo positivo su Facebook: «Fatevi il test, sono stato in queste discoteche»

Coronavirus, l'appello di un ragazzo positivo su Facebook: «Fatevi il test se siete stati in queste discoteche». La movida continua a essere sotto accusa. Un ragazzo della provincia di Catanzaro, risultato positivo al Covid-19, ha scelto la piattaforma social per comunicare l'esito del tampone dopo aver ricevuto tantissimi messaggi e ha lanciato un appello a chiunque sia entrato in contatto con lui esortandolo a fare il test e indicando le discoteche di Soverato che ha frequentato. Da qui la decisione del sindaco della cittadina calabrese, Ernesto Alecci, di disporre la chiusura di tutti i locali della movida.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, ancora allarme per i contagi di rientro: 11 nuovi positivi nelle Marche/ I tamponi in tutta Italia

Rientri dalle ferie in Croazia, Grecia, Spagna e Malta? Tampone o test, altrimenti resti fuori dalle Marche

«Ragazzi - ha scritto il giovane che è attualmente ricoverato nel reparto Malattie infettive di Catanzaro - io capisco che voi possiate avere paura però cercate di capire le mie paure. Ho duemila messaggi e 700 chiamate perse. Ve lo scrivo qui in modo da raggiungere più persone possibile: chiunque sia stato a stretto contatto con me negli ultimi 14 giorni si faccia un tampone. Sì, sono positivo al Covid».
 
 Il primo cittadino ha emesso subito un'ordinanza e informato i cittadini: «In maniera precauzionale ho emesso l'ordinanza che chiude le attività di intrattenimento musicale di tutta la città, non solo dei due locali, ma di tutti quelli che lo fanno. Lo faccio a malincuore ma è obbligatorio in questo momento essere attenti e responsabili per evitare che il virus si possa diffondere. Non dobbiamo cadere nel panico ma non possiamo abbassare la guardia». Il sindaco ha anche chiesto l’elenco di chi ha frequentato i due locali, così da contattarli, e ha preteso che i dipendenti dei locali in servizio in quei giorni siano sottoposti al tampone.

 

Ultimo aggiornamento: 17:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA