Spaccio di cocaina a Maddaloni,
fermato il figlio del capozona Lai

Domenica 31 Maggio 2020 di Marilù Musto
Spaccio di cocaina, fermato
il figlio del capozona Lai
Spacciatore giovanissimo, «figlio d'arte» e una fedina penale non ancora macchiata. Almeno fino a ieri. Questo è Francesco Pio Lai, vent'anni appena, scoperto dalla polizia con 180 dosi di cocaina e crack. Ad arrestarlo sono stati gli agenti della squadra mobile di Caserta a Maddaloni. Francesco Pio è stato colto in flagranza di reato e arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

La sezione “falchi” della questura e i finanzieri del reparto cinofili della Guardia di Finanza di Aversa - agli ordini del colonnello Michele Doronzo - con il commissariato di Maddaloni, ieri, hanno fatto irruzione nell'abitazione del figlio del più noto Vittorio Lai, presunto capozona della famiglia Micillo a Maddaloni, attualmente detenuto,  nel rione popolare Iacp di via Starzalunga. Il parco residenziale è meglio conosciuto con il nome di “Fortino” per la sua nota impenetrabilità da parte delle forze dell'ordine.

E così, nell'appartamento del ventenne sono state trovate le 180 dosi termosaldate di cocaina e crack e una busta contenente pietre della stessa sostanza per un peso complessivo di circa 62,00 grammi, una busta Marijuana di 30,00 grammi e un bilancino di precisione perfettamente funzionante. Il tutto corredato da numerosi ritagli di cellophane utilizzati per il confezionamento delle dosi, oltre che la somma di circa 700,00 euro in banconote di vario taglio.

Da ieri, il giovane Lai si trova in carcere a Santa Maria Capua Vetere.  Ultimo aggiornamento: 17:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA