Valentina Giunta, uccisa a coltellate a 32 anni. Fermato il figlio minorenne: l'omicidio dopo l'ennesima lite

La donna ritrovata in una pozza di sangue, viveva con i due figli, mentre l'ex-compagno è detenuto in carcere

Uccisa a coltellate nel suo appartamento a Catania. Le indagini su un minorenne, potrebbe essere il figlio
Uccisa a coltellate nel suo appartamento a Catania. Le indagini su un minorenne, potrebbe essere il figlio
Mercoledì 27 Luglio 2022, 10:05 - Ultimo agg. 28 Luglio, 16:02
3 Minuti di Lettura

Si chiama Valentina Giunta, la donna di 32 anni uccisa nella sua abitazione nella zona del Castello Ursino a Catania. La donna è stata ferita a morte con diversi fendenti, ed è stata rinvenuta a terra nella stanza da letto, con tagli in più parti del corpo, in particolare sul collo e sulla schiena. Gli operatori del 118, intervenuti sul luogo del delitto, hanno cercato di salvarle la vita, ma la 32enne, madre di due figli maschi, è morta poco dopo. 

La polizia di Catania ha fermato per omicidio il figlio 15enne di Valentina. Il provvedimento è stato emesso dalla Procura per i minorenni ed eseguito dalla squadra mobile. Sembrerebbe che i rapporti tra madre e figlio erano tesi da tempo e il delitto sarebbe maturato al culmine di una lite.

Il figlio temeva l'allontanamento dal padre

Era legato al padre, detenuto nell'ambito di un'inchiesta su un'organizzazione specializzata in furti d'auto, e temeva che la madre lo volesse allontanare da lui e dal nonno paterno, anche lui rimasto coinvolto nell'inchiesta della Procura di Catania. Sarebbe stato questo uno dei moventi delle liti tra Valentina Giunta e il figlio 15enne, adesso fermato dalla procura per i minorenni di Catania per l'omicidio della madre. I contrasti tra i due sarebbero stati frequenti e, secondo l'accusa, che deve passare al vaglio del Giudice per le indagini preliminari, sarebbe in questo contesto che potrebbe essere da inquadrare il movente del delitto. 

Ragazza di 16 anni stuprata al centro accoglienza per minori stranieri

 

Il dolore sui social

«Con i tuoi grossi problemi, pensavi a darmi supporto. A te che ieri sei venuta per darmi forza, a te che sei stata sfortunata voglio solo dirti che ti voglio tanto bene e che spero che adesso abbia trovato la pace che ti mancava da troppo tempo". Abbiamo tutti i cuori spezzati, troverai in cielo la pace che su questa terra ti hanno rubato» è uno dei messaggi lasciati sul profilo social di Valentina Giunta.

Madre di due figli 

A poche ore dal delitto, avvenuto lunedì sera, tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti, quella di un omicidio maturato in ambito familiare. La vittima viveva in via Di Giacomo, nel quartiere San Cristoforo a Catania ed il suo ex-compagno, padre dei due figli con cui abitava nell'appartamento dove è avvenuto l'omicidio, è stato arrestato ed attualmente si trova nel carcere di Caltanissetta. L'ex-compagno, 35enne, finì in carcere insieme al padre con l'accusa di tentato omicidio nei confronti di Sebastiano Musumeci.

Monopattini, allarme incidenti sulle strade, quadruplicati nel 2021: 10 morti e boom di feriti

Valentina Giunta, nel rione San Cristoforo era conosciuta ed in passato aveva denunciato ai carabinieri la gelosia dell'uomo con cui viveva, che poi è finito in carcere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA