Barra, nuovo impianto elettrico nel parco di villa Letizia: si lavora per la riapertura dopo anni di abbandono

Domenica 27 Settembre 2020 di Alessandro Bottone

Torna la luce nel parco di Villa Letizia a Barra, nella periferia orientale di Napoli. Negli ultimi giorni sono stati eseguiti i lavori per la realizzazione del nuovo impianto elettrico e per il ripristino dei numerosi punti luce. Dopo anni di “buio”, dovuti alla mancata manutenzione e ai numerosi atti vandalici, nel «polmone verde» di Napoli Est è stato compiuto un altro importante passo per la “riconsegna” ai cittadini. Prima, però, occorre procedere alla manutenzione del verde e alla messa in sicurezza di alcune strutture fatiscenti.

La manutenzione straordinaria dell'impianto d'illuminazione, completamente danneggiato dai delinquenti, è stata decisa a luglio 2019 dalla giunta del Comune di Napoli per consentire ai cittadini di fruire della struttura anche nelle ore serali e fare «da deterrente per ulteriori atti vandalici». Lavori affidati all'impresa lo scorso dicembre per oltre 28mila euro ed eseguiti, appunto, nelle ultime settimane.
 

 

Ora occorre pensare alla manutenzione e alla vigilanza per l'intero parco la cui gestione spetta alla VI municipalità del Comune di Napoli (Barra, Ponticelli, San Giovanni a Teduccio). Dopo l’importante lavoro di manutenzione e pulizia eseguito dagli operatori della 'Sma Campania' - nell'ambito di un “p.o.c.” - nella struttura di via Giambattista Vela è ora indispensabile recuperare il verde cresciuto in queste settimane e, dunque, occorre trovare giardinieri e mezzi adeguati: c'è un albero danneggiato dal maltempo e diversi cumuli di erbacce e rifiuti devono ancora essere recuperati. Altro tassello importante è quello della sorveglianza: in questi mesi il numero di operatori a disposizione si è ridotto in modo significativo. Dalla municipalità di Napoli Est fanno sapere di star lavorando per la riapertura del parco per il mese di ottobre e di voler puntare sugli l.s.u. per la custodia. Altresì insistono sulla necessità di rendere fruibile il parcheggio così da evitare la sosta selvaggia lungo la carreggiata.

Il parco sarà oggetto di lavori di riqualificazione attraverso le risorse del «Piano strategico» della Città Metropolitana di Napoli: 330mila euro è la somma specificata nel progetto approvato dalla VI municipalità a giugno 2019. Previsti il rifacimento di pavimentazioni, cordoli, muretti; la riqualificazione dei locali adibiti a spogliatoi e uffici e dei servizi igienici (che, dunque, restano negati). I tecnici municipali hanno, altresì, previsto il ripristino dell'impianto di irrigazione, la riqualificazione delle aree a verde, interventi straordinari per gli alberi di alto fusto e nuove specie arboree ed arbustive. Nuovi arredi e impianto di videosorveglianza, oltre alla riparazione della recinzione. Il presunto termine dei lavori, non ancora avviati, è marzo del 2022, ovvero tra un anno e mezzo. Per l’area attrezzata adiacente il parco, invece, non c’è ancora alcuna soluzione: decine di quintali di rifiuti di ogni genere, anche speciali e pericolosi, da tempo restano abbandonati, più volte dati alle fiamme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA