Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carabinieri-banditi tentano di giustificarsi: «Noi inseguiti e picchiati da 12 persone»

Sabato 28 Marzo 2015 di ​Mary Liguori
Carabinieri-banditi tentano di giustificarsi: «Noi inseguiti e picchiati da 12 persone»

Almeno altre quattro persone hanno inseguito i carabinieri-rapinatori dopo il raid al supermercato di Ottaviano e hanno preso parte al pestaggio. È questo ciò che è emerso dal racconto dei due militari fermati con l’accusa della rapina e di avere sparato e ferito a morte uno dei figli del proprietario. Ieri si è tenuta l’udienza di convalida del fermo dinanzi al gip di Nocera Inferiore: Claudio Vitale e Jacopo Nicchetto hanno ammesso la rapina, ma rincorrono la linea della legittima difesa per giustificare l’omicidio. I due carabinieri in forza al battaglione Mestre hanno parlato a lungo con il gip di Nocera e hanno riconosciuto le proprie responsabilità rispetto al raid. Una scelta sensata dal momento che contro di loro c’è un video, oltre a una serie di elementi come la busta con il bottino e i passamontagna trovati a pochi metri dall’auto con la quale si sono schiantati sulla Statale 268.

Ma se per il raid hanno scelto di rendere una confessione piena, lo stesso non hanno fatto per l’omicidio per il quale rischierebbero l’ergastolo. Il senso delle loro risposte alle domande del gip è palese: hanno temuto di finire ammazzati di botte e per questo Nicchetto ha aperto il fuoco. La loro ricostruzione di quei minuti di follia sulla 268 non è molto diversa da quella che la procura ha già messo nero su bianco, ma viene inquadrata dai due in un’ottica diversa, che apre la strada a nuovi scenari investigativi: hanno sparato per paura la presenza di almeno altri quattro uomini al momento dei fatti sulla Variante, persone che in questo momento sono ricercate dai carabinieri.

CONTINUA A LEGGERE SUL MATTINO DIGITAL

Ultimo aggiornamento: 16:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA