Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pozzuoli, salti e tuffi dal rudere romano riemerso dal mare con il bradisismo

Venerdì 27 Luglio 2018 di Antonio Cangiano
Pozzuoli: salti e tuffi dal rudere romano emerso

Alcuni giovani si arrampicano e si tuffano da uno scoglio che affiora in mezzo al mare. Una scena frequente un po' ovunque d'estate, del tutto normale, ovviamente prestando le dovute attenzioni. A Pozzuoli, però, ciò accade utilizzando come trampolino, non uno “scoglio” qualunque, ma gli antichi resti di una salina d'epoca romana, resasi particolarmente visibile grazie al fenomeno del bradisismo.

La salina in questione risalirebbe alla tarda età repubblicana, fa sapere Vincenzo Gaudino, ex sottufficiale dell'aeronautica, sub esperto e studioso di storia locale, che sulla struttura semisommersa visibile al largo del lungomare Pertini, ha concentrato alcuni suoi studi.

L'antica struttura affiorante, nello specifico, farebbe parte di una più ampia salina che fornita di chiuse, sfruttava in antichità una leggera pendenza protetta da elementi architettonici posti a difesa dalle mareggiate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA