Università Federico II, parte la corsa al rettorato: Califano presenta il programma

Venerdì 28 Febbraio 2020 di Elvira Iadanza
Luigi Califano

Mondo accademico al voto. Il prossimo trentuno ottobre il mandato del rettore Gaetano Manfredi dell'Università di Napoli Federico II terminerà e gli accademici hanno già i candidati fra cui scegliere il successore. I nomi in lizza, per ora, sono quellìi di Matteo Lorito, direttore del Dipartimento di Agraria e Luigi Califano, presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia.  

LEGGI ANCHE «Il Comune di Napoli ha affossato il restyling», nel centro storico la via Crucis laica

Proprio quest'ultimo, ieri sera, all'interno del Salone degli Affreschi di E. Marinella ha presentato il suo programma e reso ufficiale la sua candidatura ai colleghi. In realtà, per la completa ufficializzazione, ha spiegato proprio Califano, bisogna prima attendere che il decano dell'Università più antica di Napoli stabilisca la data delle elezioni, ma ormai si tratta solo di formalità, dato che la candidatura era stata già annunciata sin da questa estate. 
 

Al centro del programma del presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia l'attenzione agli studenti che devono poter cogliere all'interno dell'Ateneo l'opportunità di coltivare il proprio futuro, ha detto Califano. 

«Il nostro ateneo ha un ruolo importante nel promuovere la ricerca e ci sono tante eccellenze. per questo abbiamo in programma di creare un apposito ufficio per ricercare bandi, aiutare i docenti a ridigere i progetti, e di sostenerli  anche nelle fasi successive -ha detto il candidato - inoltre, l'Università Federico II deve continuare a porsi come un centro di sviluppo per il nostro territorio, come lo è  già ora», ha concluso. 

L'incontro avviene proprio durante i giorni di chiusura di scuole e università in tutta la Campania a causa di interventi straordinari di pulizia e igienizzazione dovuti al coronavirus. Per questo Califano ha risposto anche alla possibilità, in futuro, di attivare corsi in diretta streaming: «Abbiamo una piattaforma online, Federica, e anche il suo sviluppo rientra nel mio programma». 

Ultimo aggiornamento: 13:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA