Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Procida, successo di «Oper(a)mare»»: la musica lirica incontra il pubblico e lo diverte con «Povero Gabbiano»

Sabato 4 Giugno 2022
Procida, successo di «Oper(a)mare»»: la musica lirica incontra il pubblico e lo diverte con «Povero Gabbiano»

La baia che diventa teatro lirico, il pubblico che assiste, numerosissimo, anche dalle barche del porticciolo e dagli angoli più caratteristici del borgo marinaro, il mare come un sottile filo rosso che lega - con la potenza espressiva dell’opera lirica – storie celebri e vicende meno note: per Procida Capitale Italiana della Cultura 2022 è andato in scena Marina Chiaiolella, il concerto «Opera(a)mare», un progetto nato in collaborazione con la Fondazione Teatro di San Carlo per esaltare la relazione tra i cantanti e il pubblico, avvicinando anche un pubblico non avvezzo al linguaggio della lirica. Diretto da José Luis Basso, con Vincenzo Caruso al pianoforte, il Coro del Teatro di San Carlo ha proposto un viaggio tra le radici della musica napoletana passando per l'Italia e l'Europa tra il XIX e XX secolo, tra le note che incorniciano le parole di poeti come Bovio, Di Giacomo e D’Annunzio e i canti tradizionali del popolo napoletano e procidano, come “La Procidana”, un “dramma per musica” rappresentato per la prima volta nel 1809 che vede protagonista una donna isolana destinata in sposa a un pilota di navi e interprete di più lingue, fatalmente negato per entrambi i mestieri. Divertita, invece, la reazione del pubblico davanti a una insolita versione lirica di «Povero Gabbiano», la canzone di Gianni Celeste diventata virale negli ultimi mesi: «l’idea è venuta a Basso ascoltando un tenore del coro che canticchiava la hit».

Video

«Il nostro obiettivo – spiega il direttore di Procida 2022, Agostino Riitano – è quello di portare l’opera, tra i patrimoni culturali che fanno grande il nostro Paese, tra la gente, negli spazi della vita ordinaria, favorendo così il coinvolgimento di un pubblico nuovo. Abbiamo così inteso mettere in dialogo la bellezza delle liriche con l’incanto delle baie più belle di Procida, insieme con il Teatro San Carlo, con il quale avevo già avuto modo di sperimentare la formula dell’opera a cielo aperto in occasione di Matera Capitale Europea della Cultura 2019». Il secondo appuntamento con “Opera(a)mare” è in programma in un altro luogo simbolo dell’isola, Marina Corricella, per sabato 25 giugno, con inizio alle 20.30 : stavolta il Coro si esibirà in dialogo con le architetture caratteristiche del borgo marinaro. La partecipazione è completamente gratuita. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA