Spreco alimentare, esperti a confronto a Casalnuovo

L'appello del prof Calabrese, presidente del Comitato nazionale per la sicurezza alimentare

Spreco alimentare, esperti a confronto a Casalnuovo
Spreco alimentare, esperti a confronto a Casalnuovo
Domenica 18 Febbraio 2024, 20:00
3 Minuti di Lettura

In occasione dell'XI giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare celebrata lo scorso 5 febbraio, si è tenuto venerdì, nelle sale del palazzo Lancellotti di Casalnuovo, il convegno #Stopallosprecoalimentare, promosso dal Rotary Club Acerra Casalnuovo Montano.

Riduzione degli sprechi a tutti i livelli - da quello domestico a quello industriale - e azioni concrete per il recupero e la distribuzione delle eccedenze, sono stati i temi trattati da un parterre di relatori d'eccellenza, tra cui il prof Giorgio Calabrese, presidente del Cnsa, il Comitato nazionale per la sicurezza alimentare del ministero della Salute. In particolare Calabrese ha posto l'accento sul rapporto tra spreco alimentare e sana alimentazione, ribadendo la necessità di adottare comportamenti concreti per modificare il nostro stile di vita e combattere in questo modo lo spreco alimentare e il suo impatto sul pianeta.

Incentrati invece sul ruolo di ognuno di noi nella lotta allo spreco e sulle azioni di contrasto da mettere in campo, gli interventi di Salvatore Velotto, presidente dell'Otacl (ordine dei tecnologi alimentari Campania-Lazio), e di Maria Manuela Russo, vicepresidente nazionale dell'Ordine dei tecnologi alimentari. E nell' ottica del recupero e del riutilizzo delle eccedenze è stato presentato anche un opuscolo contenete consigli e soprattutto ricette anti spreco ideate da due eccellenze del settore, il maestro pasticciere Matteo Cutolo, campione del mondo di pasticceria e gelateria 2017 Fipcg, e lo chef stellato Domenico Iavarone, entrambi ieri al convegno. 

A concludere l'evento il prof Ugo Oliviero, governatore del Distretto Rotary 2101, con un focus sulle conseguenze dello spreco e sulla necessità di fare informazione ed insegnare che il cibo ha un valore e ha un impatto sull'ambiente e sulla nostra salute. «È inspiegabile – le parole del governatore Oliviero – che la regione che ha uno dei più bassi intake economici abbia la più alta incidenza di obesità infantile, di diabete, di ipercolesterolemia, legati soprattutto ad uno stile di vita inadeguato.

Il Rotary supporta tutti progetti finalizzati a migliorare le abitudini alimentari sbagliate e – ha concluso – l’iniziativa presentata oggi è certamente tra le più incisive e meritorie».

E proprio fare informazione è l'obiettivo principale del progetto #stopallosprecoalimentare, ideato da Antonio Di Donna, tecnologo alimentare e socio del RC Acerra-Casalnuovo, che anche quest' anno, come già accaduto nella scorsa edizione, prevede incontri formativi nelle scuole del territorio, coinvolgendo non solo gli studenti, ma anche le famiglie. 

«Il tema dello spreco alimentare - le parole del presidente del RC Acerra-Casalnuovo Raffaele Gammella - è diventato un problema sempre più pressante per le comunità locali e non solo, per cui c'è la necessità di intervenire puntando proprio su una corretta informazione che sia da stimolo per comportamenti più responsabili, partendo dalle piccole abitudini quotidiane. Il nostro obiettivo - ha concluso - è appunto questo, ecco perché l'idea di partire proprio incontrando studenti e famiglie».

All'evento, in rappresentanza delle istituzioni, sono intervenuti anche l’onorevole Loredana Raia, vicepresidente del Consiglio regionale della Campania, e gli assessori del comune di Casalnuovo di Napoli Katia Iorio, Anna Romano e Crescenzio Visone

© RIPRODUZIONE RISERVATA