Ricercato da 20 anni per avere ucciso 70 tigri del Bengala: arrestato in Bangladesh

Mercoledì 2 Giugno 2021 di Marta Ferraro
Dopo 20 anni di ricerche, arrestato in Bangladesh un uomo sospettato di aver ucciso 70 tigri del Bengala

Habib Talukder, 50 anni, è stato arrestato nel villaggio di Madhya Sonatola, nella regione di Khulna, dopo un'indagine durata 20 anni, con l'accusa di aver ucciso 70 tigri, secondo quanto riporta il Dhaka Tribune, citando la polizia locale. 

L'uomo inizialmente raccoglieva il miele dalle api selvatiche nella foresta di mangrovie di Sundarbans, al confine tra India e Bangladesh, che ospita la più grande popolazione mondiale di tigri del Bengala. Poi ha iniziato a cacciare animali selvatici, «anche se da tempo gli era stato proibito di entrare nella foresta», ha detto l'agente Abdul Mannan. 

«Ha portato avanti queste attività criminali nonostante ci siano molteplici casi aperti contro di lui. In questo caso sono coinvolte alcune potenti bande», ha spiegato l'agente, aggiungendo che il bracconiere era nella lista dei latitanti più ricercati sia dalla Polizia che dal Corpo Forestale.

L'uomo «è coinvolto in nove casi di reati forestali», ha detto Joynal Abedin, vice conservatore delle foreste nell'area di Sharankhola.

Ultimo aggiornamento: 16:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA