Elefantesse nate senza zanne per sopravvivere ai bracconieri: la mutazione genetica salva la specie

Venerdì 22 Ottobre 2021
Elefantesse nate senza zanne per sopravvivere ai bracconieri: la mutazione genetica salva la specie

La natura si adatta alla crudeltà umana e per salvare la specie crea elefantesse senza zanne. Una mutazione genetica tale da metterle al sicuro dai bracconieri in cerca d'avorio. Potrebbe essere questo il trucco a cui ha fatto ricorso madre natura in un parco del Mozambico, dove un numero crescente di femmine è nato negli ultimi 48 anni senza le caratteristiche protuberanze e la popolazione è tornata a crescere dopo un periodo in cui sembrava destinata a sparire.

Video

Lo studio, riferisce la Cnn, è stato condotto nel parco nazionale di Gorongosa, uno dei teatri della guerra civile che per 15 anni ha sconvolto il Paese fino al 1992. Qui soldati e miliziani uccidevano gli elefanti per venderne le zanne e utilizzare i guadagni al fine di comprare armi e munizioni.

 

Secondo i dati della ricerca, pubblicati dalla rivista Science, dal 1972 al 2000 la popolazione degli elefanti è precipitata da 2.000 circa a non più di 250, mentre tra le nuove nascite triplicava il numero degli esemplari femmine venuti al mondo senza le zanne. Cosa che non è possibile per i maschi, poiché questa mutazione genetica provoca la morte del feto nel ventre materno. Ryan Long, un professore dell'Università dell'Idaho che ha partecipato allo studio, ha spiegato che le femmine nate senza le zanne hanno avuto cinque volte più probabilità di sopravvivere nei 38 anni presi in considerazione.

 

«L'adattamento - ha spiegato Long - è avvenuto molto rapidamente perché le femmine senza zanne hanno avuto una probabilità molto più alta di sopravvivere alla guerra e quindi una probabilità molto più alta di passare i loro geni alle generazioni seguenti». Dal 2000 ad oggi la popolazione degli elefanti nel parco di Gorongosa è cresciuta fino a 800 esemplari, ma i ricercatori devono ora studiare quali effetti la scomparsa delle zanne possa avere sulla vita delle elefantesse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA