CORONAVIRUS

L’appello di Mattarella e la difficile coesione tra le forze politiche

Mercoledì 1 Aprile 2020 di Marco Conti
L’appello di Mattarella e la difficile coesione tra le forze politiche

Un nuovo appello quello del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, indirizzato alle migliaia di cittadini italiani che hanno scritto al Capo dello Stato in questi giorni difficili. Un invito all’unità che il ministro della Salute Roberto Speranza ha ricordato oggi al Senato e che ha fatto scattare immediatamente l’applauso. Eppure ognuno può misurare la distanza tra quell’applauso e le realtà. La condivisione delle scelte da compiere non c’è perché i partiti mostrando di voler continuare con le logiche di sempre considerando questa clausura forzata come una semplice pausa tra un prima e un dopo che ci si illude possa,essere uguale.

Mattarella: «È momento travagliato ma lo supereremo insieme»

Ed invece è molto probabile che non sarà così perché le scelte da compiere, arginato il virus, saranno difficili e non basterà avere i numeri in Parlamento per poterle imporre. Né basterà strillare, contestare pensando che una volta al governo si possa far da soli. Mattarella nei suoi messaggi di invito alla coesione sociale e politica guarda molto al dopo. Quando l’Europa e i paesi europei, che sono cosa ben diversa, avranno messo in campo tutta la solidarietà possibile e l’altro pezzo di strada occorrerà compierlo da soli con un Italia piegata al Nord soprattutto dal Covid-19 è un Sud dalla povertà delle migliaia di famiglie che sono state senza reddito per oltre un mese e che ora faticano a ritrovarne uno.

Coronavirus, Conte e l'ombra Mario Draghi: ecco perché il premier è costretto ad agire in fretta

© RIPRODUZIONE RISERVATA