Genova, uccide il padre a martellate e tenta il suicidio: «Soffre di depressione»

Uccide il padre a martellate e tenta il suicidio: «Soffre di depressione»
Uccide il padre a martellate e tenta il suicidio: «Soffre di depressione». Omicidio nella notte in via D'Acquisto a Genova, nel quartiere popolare di Molassana. Un uomo di 51 anni ha ucciso il padre di 91 e poi ha tentato di uccidersi lanciandosi dal balcone. L'anziano è morto in ospedale, mentre il figlio è ricoverato per le ferite provocate dalla caduta dal terzo piano. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori della squadra mobile di Genova, agli ordini del primo dirigente Marco Calì, l'arma usata sarebbe un martello. Pare che l'omicida soffrisse da tempo di depressione.

Uccide la moglie e fa credere ai suoceri che sia ancora viva: poi ammazza anche loro

Decide di lasciare l'amante per tornare dal marito: lui la uccide a martellate

 


Domenica 21 Aprile 2019, 11:16 - Ultimo aggiornamento: 22 Aprile, 10:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP